CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Mostre ed Esposizioni

Cerca nel blog

mercoledì 17 gennaio 2018

Mostra “IDENTITÀ IMPROBABILI. PAOLO RADI ED EMANUELA FIORELLI”

Musei di San Salvatore in Lauro  
A cura di: Giovanni Granzotto
Testi: Giovanni Granzotto, Alessia Carlino
Catalogo: Il Cigno GG Edizioni

INAUGURAZIONE venerdì 19 gennaio 2018   ore 19.00

 

«La trasformazione è data dall'unione di materiali diversi che, insieme, si completano ed evocano il passaggio da un luogo all'altro, da un tempo a un altro tempo». Racchiude questo "Identità Improbabili" l'esposizione - organizzata da "Il Cigno Edizioni" in collaborazione con Studio d'Arte GR e curata da Giovanni Granzotto - degli artisti Paolo Radi ed Emanuela Fiorelli che verrà inaugurata venerdì 19 gennaio a Roma, nei Musei di San Salvatore in Lauro, nel Complesso Monumentale del Pio Sodalizio del Piceni.

Due artisti diversi, che però si completano, due raffigurazioni opposte che però si toccano, due artisti da sempre impegnati nel dare forma al rapporto tra l'uomo e lo spazio, inteso non solo dal punto di vista geometrico e concettuale, ma anche corporeo e percettivo.

Nelle opere dell'una la razionalità si sensibilizza, in quelle dell'altro la luce diventa armonia del visibile. Entrambi sono però accomunati da una ricerca che si interroga su ciò che appare e ciò che traspare. Gli artisti obbligano infatti gli spettatori ad avvicinarsi e a retrocedere dalle opere, "costringendoli" a cambiare di continuo il punto di vista, mettendo alla prova la propria percezione.

Paolo Radi utilizza materiali variegati (tra cui anche l'acciaio inox) per dare forma a una membrana-diaframma che sembra pulsare, fremere sottopelle, rivelando senza mai svelare completamente il proprio contenuto. In parte occultata, in parte ancora visibile, la scultura racchiusa all'interno è resa impalpabile, come fosse stata disancorata dal suo peso e stesse per involarsi. «Per me la luce è l'elemento più evocativo. E poi c'è il buio. I neri che utilizzo in molte opere sembrano aprire a qualcosa, ma in realtà non aprono a nulla. Possono essere intesi come ricordi che vanno e che vengono», racconta l'artista romano che orienta la propria ricerca verso lo studio delle qualità formali dell'immagine, rintracciando e analizzando, all'interno della storia dell'arte, l'opera di personalità affini al proprio percorso tra cui Kazimir Malevič e Ben Nicholson. "Identità improbabili" verosimilmente racchiude tutto questo.

Le sculture di Emanuela Fiorelli sono la trasposizione di uno schema mentale preordinato che, attraverso la distensione e l'ordito di un filo elastico prende la forma di piani e volumi. «Sono evidentemente affascinata dalla geometria ma allo stesso tempo mi piace anche metterla in discussione».

Ed è proprio la geometria ad accumunare i due artisti, che sono, tra le altre cose, anche marito e moglie. «La geometria come la intendiamo noi non completa come quella tradizionale, ma nega quasi se stessa».

La mostra pensata per gli ampi spazi del Museo, prevede anche l'esposizione di nuove opere dei due artisti capitolini ispirati al tema del passaggio, mondo intermedio di transizione tra sensibile e intellegibile ovvero, attraversamento da uno stato fisico ad uno stato mentale.

Si delinea infatti nelle ultime opere di Radi una caratteristica che lui definisce "intarsi" forme tagliate dove si va a focalizzare l'opera stessa in una sorta di ascesi di luce e abisso di silenzio.

Il taglio è anche il protagonista delle ultime opere della Fiorelli che, come scrive lei stessa, «sono sottrazioni alla continuità, confine che delinea un'apertura all'altrove».

La mostra prevede anche la presentazione di alcune installazioni dei due artisti che si articoleranno nei suggestivi spazi dei Musei di San Salvatore in Lauro.

 

 

Musei di San Salvatore in Lauro

Piazza San Salvatore in Lauro, Roma

 

Dal 19 gennaio al 28 febbraio 2018

Orari e giorni: dal martedì al venerdì: 10.00-13.00 / 15.30-18.30

Sabato: 10.00-13.00; domenica e lunedì chiuso.

  

Informazioni: Il Cigno GG Edizioni, tel: 06 6865493



--
www.CorrieredelWeb.it

"La luce dell'anima" di Ghitta Carell in mostra al Salone della Cultura 2018 - Milano, 20 e 21 gennaio 2018

 

 

FONDAZIONE 3M:

"LA LUCE DELL'ANIMA" DI GHITTA CARELL

IN MOSTRA AL SALONE DELLA CULTURA 2018 

 

Il 20 e 21 gennaio 86 ritratti di Ghitta Carell tratti dall'Archivio

della Fondazione 3M saranno esposti negli spazi di SuperStudio Più di Milano

 

In mostra anche le creazioni di gioielli in argento realizzate dagli allievi del corso di lavorazioni artistiche e oreficeria della scuola professionale Galdus ispirate dai ritratti di Ghitta Carell

 

Milano, 16 gennaio 2018 – In occasione della seconda edizione del Salone della Cultura in programma il 20 e il 21 gennaio a Milano presso gli spazi di SuperStudio Più, Fondazione 3M, istituzione culturale permanente di ricerca e formazione e proprietaria di uno storico archivio fotografico di oltre 110 mila immagini, presenta la mostra "La Luce dell'Anima" della fotografa Ghitta Carell.

 

Curata dal critico fotografico Roberto Mutti, la mostra "La luce dell'anima" raccoglie 86 scatti realizzati fra la fine degli anni Venti e la seconda metà degli anni Cinquanta, che rappresentano il panorama dei profondi mutamenti di cui l'Italia è stata protagonista, visti attraverso i volti, le posture, gli abiti e gli stili dei personaggi ritratti da Ghitta Carell.

 

Ghitta Carell, affermata ritrattista nella Roma degli anni Trenta, ha origini ungheresi. Dopo aver frequentato dei corsi a Budapest, con un fotografo ufficiale della corte austroungarica, poi a Leipzig e a Vienna, nel 1924 si trasferisce a Firenze, dove frequenta gli ambienti intellettuali della città. La fotografa lavora anche a Milano, dove ritrae i personaggi del mondo della finanza. Introdotta alla corte di casa Savoia, nel 1928 apre un nuovo studio a Roma, dove passeranno tutti gli esponenti più in vista della classe dirigente dell'Italia di quegli anni, dai politici agli aristocratici.

 

Ghitta Carell è stata spesso definita come l'interprete del mondo del potere, grazie alle sue opere più famose realizzate negli anni Trenta, in piena era fascista: i ritratti di Mussolini, di Pio XII e di molti nobili. La sua opera, tuttavia, è assai più complessa, come dimostrano i ritratti di persone comuni e le molte immagini di politici del dopoguerra, quali Giulio Andreotti, Giuseppe Saragat, Giovanni Gronchi, Alcide De Gasperi, di scrittori come Cesare Pavese, di attrici come Valentina Cortese, di personaggi come Walt Disney e di giornalisti come Camilla Cederna.

 

L'opera di Ghitta Carell è caratterizzata da un modo di operare apparentemente semplice – usava una macchina a lastre nel formato 18x24, più raramente una Rolleiflex 6x6 – Ghitta Carell era attenta alla composizione, rigorosa nella scelta delle luci, raffinata nella stampa che curava personalmente, così come gli accurati interventi di ritocco per migliorare il risultato finale.

 

Il Salone della Cultura, giunto alla sua seconda edizione dopo aver raccolto lo scorso anno oltre 35.000 visitatori, rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del libro e della cultura in generale. L'obiettivo della manifestazione è quello di offrire agli editori, espositori, librai dell'usato, collezionisti, e librai antiquari – ALAI (Associazione Librai Antiquari Italiani) che esporranno grande visibilità, coinvolgendo nel contempo il pubblico partecipante all'interno di un vero e proprio contenitore culturale attraverso esperienze formative e interattive.

 

Per la seconda edizione del Salone della Cultura continua inoltre la partecipazione della scuola professionale Galdus e dei suoi allievi. La manifestazione ha affidato parte dell'accoglienza e dell'allestimento agli studenti del corso di informatica gestionale per turismo, eventi ed azienda della scuola e ospita in uno spazio dedicato i segreti dell'arte orafa e le sue nuove forme, i suoi maestri e i giovani orafi di domani, in una Milano che, ancora oggi, è uno dei 5 distretti italiani dell'oreficeria.

 

Sono in mostra le creazioni di gioielli in argento, che gli allievi del corso di lavorazioni artistiche e oreficeria della scuola professionale Galdus hanno ideato e realizzato ispirandosi alle tiare indossate dagli esponenti delle famiglie reali dei ritratti di Ghitta Carell di Fondazione 3M, rivisitandole alla luce degli status symbol di oggi. Tra anelli, ciondoli e bracciali sarà possibile viaggiare dagli anni Trenta ad oggi attraverso i gioielli indossati dai più giovani. La tiara, indossata fin dall'antichità come segno di distinzione, ha ritrovato un grande successo a partire dalla fine del '700 per comparire oggi in occasione di nozze ed eventi con dress code. Al pubblico verrà offerta la possibilità di sperimentare alcune tecniche dell'arte orafa in due laboratori dedicati al gioiello di carta e alle sculture libro, con la guida degli allievi e maestri orafi del corso di lavorazioni artistiche e oreficeria. Tra i maestri dell'arte orafa milanese di oggi Italo Antico, maestro di scultura e orafo, premio Compasso d'Oro 2011, espone alcune sue sculture gioiello in dialogo con gli allievi e i maestri orafi della scuola professionale Galdus: Rossana Ricolfi, Rosa Maria Venetucci, Dario Mambretti, Bruno Spinazzè.



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 2 gennaio 2018

Museo in erba a Lugano. Mostra-laboratorio di Arman



"L'avventura degli oggetti - Arman" 

Fino al  4 marzo 2018

Museo in erba - Riva Caccia 1A
Galleria Central Park 1° piano, 6900 Lugano

A due mesi dall'inaugurazione, "L'avventura degli oggetti – Arman" - una mostra-laboratorio particolarmente intrigante - registra un grande successo di pubblico. Sono numerosi i bambini e le famiglie che visitano il Museo in erba ogni settimana perscoprire la proposta d'arte che arriva dal Centre Pompidou di Parigi ed è dedicata all'opera di Arman. 

La scelta di rinnovare la collaborazione con il rinomato museo francese si rivela ancora vincente.

Realizzata dal Dipartimento "Jeune Public" del museo francese(responsabile del progetto Odile Fayet – designer lo svizzero Adrien Rovero), questa mostra per l'infanzia rappresenta un'opportunità unica e imperdibile per il giovane pubblico che, grazie all'accattivante scenografia, si trova immerso nel cuore di un'officina poetica che pullula di oggetti. 

In un percorso didattico, e allo stesso tempo coinvolgente e vivace, i più piccoli sperimentano in prima persona i gesti di Arman, esponente del Nouveau Réalisme che traeva ispirazione dai materiali prodotti dalla società dei consumi
L'esposizione del Centre Pomipdou permette di scoprire in modo giocoso e attivo la tecnica artistica di Arman e di comprendere le infinite possibilità di utilizzo degli oggetti del quotidiano per creare un'opera d'arte. 
I bambini rimangono affascinati dalle accumulazioni di scarpe, orologi, automobili e restano a bocca aperta di fronte alle sculture monumentali dell'artista che possono vedere in un filmato, alla fine del percorso. 
Non da ultimo, imparano a collaborare ad un'opera collettiva, e ciò che nasce dalla loro fantasia è sorprendente: da anonime scatole di plastica nascono in pochi minuti personaggi, edifici o città meravigliosi che trasformano continuamente lo spazio del museo. 
La mostra piace persino ai bimbi più piccoli, di neanche 2 anni, che trovano alcune postazioni dove possono facilmente conoscere gli oggetti, toccarli, manipolarli, ordinarli, dividerli per colore o per tipo e divertirsi insieme ai genitori o ai nonni. L'oggetto e il gesto diventano il filo conduttore e permettono l'incontro fra Arman e l'universo sensoriale del bambino.
Molti sono anche i partecipanti agli atelier che il Museo in erba propone il mercoledì pomeriggio e nel week-end. Il programma comprende laboratori su Arman, sui Nuovi Realisti, sulle opere del Pompidou e sui grandi nomi della storia dell'arte. 

Breve biografia di Arman (Nizza 1928 – New York 2005)
Arman (Arman Pierre Fernandez) è un pittore e scultore francese, che Inizia a interessarsi agli oggetti da bambino. 

«Da sempre - diceva - provo una grande passione per gli oggetti  […]. Oggi mi interesso soprattutto agli oggetti che, troppo spesso, sono già stati buttati via o utilizzati pochissimo. È fra questi scarti che trovo la materia prima per le mie creazioni. Svelare i misteri, la poesia degli oggetti  è il centro del mio lavoro».  
Infatti, fin da piccolo, Arman è circondato dagli oggetti. Sua nonna colleziona bottoni, suo padre è antiquario e rigattiere. 

Adora i timbri di ogni tipo, con le cifre, le lettere, i motivi più svariati: li utilizzerà più tardi per creare i suoi sigilli.
Da giovane Arman fa judo e a un certo punto riflette se diventare professionista.  È molto abile anche nel gioco del "Go" che gli permette di approfondire strategia e azione. 

Nelle sue opere riutilizzerà queste esperienze. Adulto, Arman diventa artista. Colleziona oggetti nuovi o usati, li ammucchia/ammassa/rac-coglie/raggruppa per realizzare le sue accumulazioni.

Per le sue "Colères" rompe mobili, televisori, strumenti musicali grazie alla sua forza di judoka. Senza alcuna pietà taglia e riassembla l'oggetto a modo suo nella serie "Coupes". Ciò che lo appassiona innanzitutto sono gli innumerevoli modi di trasformare un oggetto per scoprirlo sotto una nuova luce.

Il Museo in erba è stato inaugurato nel 2000 a Bellinzona e si è trasferito a Lugano nel 2016. Nato come prima antenna estera del Musée en Herbe di Parigi è ora autonomo e aperto a collaborazioni svizzere ed europee. 
È un museo diverso, uno spazio didattico dove si presentano esposizioni concepite per i bambini attraverso una pedagogia originale basata sul gioco e sull'umorismo. 
Unico nel suo genere in Ticino, seguito con attenzione anche dalla stampa italiana, è stato visitato da più di 133'000 bambini e ragazzi divertiti ed entusiasti delle loro scoperte. 
Stimolando la loro fantasia, coinvolgendoli emotivamente nel momento della scoperta e attivamente nell'atelier, il Museo in erba dà loro delle "chiavi" per avvicinarsi con attenzione diversa alla cultura, in particolare alle opere d'arte conservate nei musei. 
Il Museo in erba è inoltre riconosciuto dall'Associazione dei Musei Svizzeri e ha ricevuto il Premio Coop Cultura 2001 per l'originalità dell'iniziativa.



Orari del Museo in erba:  Lunedì-Venerdì: 8.30 – 11.45 / 13.15 – 16.30 
Sabato, domenica e vacanze di Natale: 14.00 – 17.00
Apertura straordinaria: 6 gennaio: 14.00 – 17.00.
Entrata Fr. 5.- 
Programma atelier e informazioni sulle attività del Museo in erba: 
tel: 0918355254  

Il Museo in erba, Riva Caccia 1a, CH – 6900 Lugano

--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 1 gennaio 2018

“CENTO GIORNI DI SOLITUDINE” LA MOSTRA DI NIDAA BADWAN ARRIVA A SIENA. Dal 22 Gennaio al 2 Febbraio 2018 la Galleria Olmastroni di Siena ospita le opere dell’artista e fotografa emiratina con cittadinanza palestinese.

Dal 22 Gennaio al 2 Febbraio 2018 la Galleria Olmastroni di Siena ospita le opere 
dell'artista e fotografa emiratina con cittadinanza palestinese
"CENTO GIORNI DI SOLITUDINE" 
LA MOSTRA DI NIDAA BADWAN ARRIVA A SIENA

Una mostra che ha girato e sta girando il mondo, approda a Siena. Dal 22 Gennaio al 2 Febbraio 2018 la Galleria "Cesare Olmastroni" a Palazzo Patrizi ospiterà, grazie alla collaborazione tra la Compagnia MOTUS, il Comune di Siena e l'Unicoop Firenze, Sezione soci di Siena, la mostra "Cento giorni di solitudine" di Nidaa Badwan, fotografa emiratina con cittadinanza palestinese, di grande fama internazionale.

La mostra fotografica, che è già stata presentata a Gerusalemme, Kolding, Berlino, New York , Miami,  Dubai, San Marino e in alcune città italiane tra cui Ravenna e Forte dei Marmi, nasce dall'esilio autoimposto dell'artista, che il 19 novembre del 2013 si chiuse in una stanza, la sua piccola e colorata camera da letto di soli nove metri quadrati, e ci rimase venti mesi per protestare contro il conflitto Fatah–Hamas che da anni imperversa in Palestina e nella Striscia di Gaza e per le minacce ricevute da Hamas. 

Alcuni miliziani l'avevano infatti fermata per strada, durante l'organizzazione di un evento artistico, contestandole il mancato uso del velo. Rientrata a casa, dopo 8 giorni di prigionia e di violenze, Nidaa si rinchiuse in un auto-esilio volontario dalla propria comunità, per rimanere nell'unico spazio dove poteva essere libera come donna e come artista. Un esilio vissuto allo scopo di denunciare la condizione di isolamento e di mancanza di libertà che caratterizzano la vita quotidiana della popolazione, in particolare di quella femminile, all'interno di un territorio fortemente militarizzato, dove l'esercizio dei diritti individuali diventa una sfida che si rinnova ogni giorno.

Nei venti mesi trascorsi nella sua stanza, Nidaa ha prodotto gli splendidi autoritratti fotografici che compongono la mostra: opere che secondo alcuni critici d'arte ricordano le nature morte di Jean-Baptiste-Siméon Chardin, i chiaroscuri di Caravaggio, le scene teatralizzate di Jacques-Louis David.

La mostra segna l'inizio delle manifestazioni culturali connesse alla decima edizione di Move Off, rassegna internazionale di danza contemporanea, organizzata dalla Compagnia MOTUS nell'ambito della stagione teatrale del Teatro dei Rinnovati di Siena dal 31 Gennaio al 2 Febbraio 2018. 

La Rassegna ospita compagnie e giovani coreografi provenienti da tutto il mondo (Germania, Regno Unito, Albania, Korea) e, nella serata finale, organizzata dal Comune di Siena in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo, "DIS-CRIMINE" l'ultima produzione degli stessi MOTUS. 

Tra gli eventi, anche il Convegno "Rigener-arti" presso l'Università per Stranieri di Siena nel quale si affronta il tema della cultura come volano per lo sviluppo e la crescita dei cittadini.



domenica 10 dicembre 2017

Mostra d'arte iraniana PEACE TIME. SATURA Art Gallery, Genova dal 9 dicembre 2017



 











Sabato 9 dicembre 2017 ore 17:00
Palazzo Stella - inaugurazione
PEACE TIME
a cura di Manijeh Sehi, Sarvenaz Monzavi Flavia Motolese
aperta fino al 22 dicembre 2017
da martedì a sabato ore 15:00 - 19:00
Genova, SATURA art gallery

S'inaugura sabato 9 dicembre 2017 alle ore 17:00 nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la rassegna d'arte iraniana contemporanea "PEACE TIME" a cura Manijeh Sehi, Sarvenaz Monzavi e Flavia Motolese. 

La mostra, realizzata in collaborazione con White Line Gallery di Teheran, resterà aperta fino al 22 dicembre 2017 con orario 15:00 - 19:00 da martedì a sabato.

La mostra PEACE TIME costituisce un'ulteriore occasione di interscambio artistico-culturale che ci permette di proseguire sulla strada dischiusa da TIME TO TALK: l'obiettivo è quello di perpetuare e intensificare la collaborazione fra l'Iran e l'Italia, con la speranza che questo confronto aiuti a promuovere fra i popoli comprensione, amicizia e pace, di cui il mondo di oggi ha sempre maggiore bisogno.

Gli artisti iraniani si sono espressi attraverso opere che avessero come denominatore comune il tema della pace con la volontà di lanciare un messaggio globale attraverso l'arte contemporanea. I tempi avversi e complessi che stiamo vivendo ci inducono ad auspicare che l'arte possa essere terreno di confronto pacifico tra i popoli, perché la pace, proprio come l'arte, non ha nazione.

Da sempre, nella storia, agli artisti è affidato il compito di testimoniare la realtà, comprese le drammatiche conseguenze dei conflitti, ma anche quella di interpretarla e di ipotizzare scenari migliori, fornendo nuove soluzioni per un futuro più desiderabile. 

Come ha detto il curatore Hans Ulrich Obrist: "Un curatore non può predire il futuro dell'arte. Gli artisti, tuttavia, hanno antenne estremamente sensibili ai cambiamenti imminenti e spesso sanno rilevarli prima di chiunque altro. E così stando vicini agli artisti i curatori hanno la possibilità di riconoscere un assaggio di quello che verrà".
L'universalità del tema scelto, quello della Pace, su cui si sviluppa l'intero percorso narrativo, è dimostrazione del potere dell'arte di mettere in comunicazione culture diverse, attraverso l'immediatezza del linguaggio visivo, generando una comprensione più profonda delle rispettive identità.

La mostra, con le sue oltre 70 opere, volte a fornire un interessante spaccato delle tendenze dell'arte contemporanea iraniana, si distingue per la grande vivacità di stili e di tecniche. Per la seconda volta a SATURA, un'accurata selezione di opere, tra cui spiccano nomi di rilievo del panorama iraniano contemporaneo, ci permette di osservare la concezione dell'immagine e della visione sotto il profilo di un diverso ambito culturale: quali le influenze, i trend o la tradizione iconico-simbolica predominante.

Rispetto alla mostra precedente, sono state introdotte tecniche diverse che spaziano dalla pittura alla fotografia e dal disegno all'elaborazione digitale, permettendoci di analizzare come si siano sviluppate tra i due paesi e le differenze con cui vengono impiegate. Il rapporto con una figurazione classica rimane predominante, così come un'attenzione al colore. 

Il passaggio delle Avanguardie, che nel nostro paese ha prodotto un vero e proprio spartiacque tra il prima e il dopo, determinando una frattura nell'espressione artistica, sembra aver influito in maniera più mediata nell'arte iraniana
Si percepisce una consapevolezza diversa, più profonda, forse perché viene perseguita meno spettacolarizzazione in favore di valenze contenutistiche più forti. 
Ecco allora che ritornano le motivazioni di questa mostra: vicini e lontani, ugualmente abitanti di una realtà che impone il silenzio per riflettere ed agire diversamente.

ARTISTI IN ESPOSIZIONE:
Suzan Alimardani, Alireza Allahbakhshi, Fatemeh Arefi, Armineh Sarkisovich Arzumanian, Khatereh Avand, Bahman Boroujeni, Sanaz Eskandari, Shahla Esmailpoor, Mohammad Hadi Fadavi, Mehrdad Falah, Saman Farhangi, Laleh Ghazivakili, Narges Ghiabi, Sheida Gholipour, Farzaneh Hajighemi, Aysa Hekmat, Shahla Homayouni, Hadi Jamali, Pegah Jamali, Yalda Javaheri, Shirin Mirjamali, Sepideh Mirzai, Ahmad Mirzazadeh, Mitra Mobinzadeh, Nadereh Nejadpourhossein, Mojgan Nikbakht, Amirhoushang Ordouie, Samira Ostovan, Naser Ovissi, Rahimeh Pournoorbakhsh, Hadi Rafi Bakhsh, Hekmat Rahmani, Farzane Saeedi Rahvard, Nahid Razipour, Elham Rezasoltani, Azin Rostami, Nahid Salahmand, Manijeh Sehi, Maryam Seraj, Pejvak Seraj, Neda Shahhosseini, Malahat Tadayon, Hamid Talebpour, Shabnam Tolou, Samaneh Vahabi, Sosan Yadavar Vahed, Arman Yaghoubpour, Roya Zendehdel, Solaleh Abdolpanhan, Sima Amani, Sarah Ameri, Sadeq Asad, Ardeshir Boroujeni, Negar Farhangi, Anahita Ghazanfari, Farah Habib, Aisling Sareh Haghshenas, Pooria Hatami, Pooya Jamali, Shahindokht Mahinpour, Shahrzad Monzavi, Sarvenaz Monzavi, Reihane Moosavi, Tara Nazmalizadeh, Fereydoun Omidi, Tala Ranjbaran, Elnaz Rezasoltani, Neda Safari, Fatemeh Salemi, Selvi Samiei, Shabnam Shafeiyan, Yasaman Yaseri, Atefeh Yazdani, Akbar Zaheri.
Satura art gallery
SATURA Art Gallery
Piazza Stella 5/1 16123, Genova Italy

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *