Cerca nel blog

lunedì 29 settembre 2014

Divoramenti. Personale di Chiara Gatto - Bari


Inaugurazione: mercoledì 8 ottobre 2014, ore 19.30
Galleria Formaquattro, Via Argiro 73, Bari

Testi critici: Carmelo Cipriani

Catalogo: in galleria (Edizioni della Galleria Formaquattro)



La mostra sarà visitabile dal lunedì al sabato (fino al 9 novembre), dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Domenica su appuntamento telefonando al 346.62.60.299.


Dopo il successo della tappa leccese, presso la Galleria Scaramuzza Arte Contemporanea, la prima personale della giovane e talentuosa artista Chiara Gatto si sposta a Bari, negli spazi della Galleria Formaquattro. La mostra costituisce la seconda tappa del progetto espositivo itinerante "Divoramenti", la cui conclusione è prevista a Matera (dal 21 novembre all'8 dicembre), presso Momart Gallery, nuova realtà espositiva sorta nel cuore del Sasso Barisano. La rassegna, inoltre, costituisce l'esordio di un progetto più ampio, denominato "Accademia Italia", con cui la Galleria Formaquattro s'impegna a valorizzare la ricerca di giovani talenti formatisi nelle Accademie di Belle Arti italiane.


Ecco come Carmelo Cipriani, curatore della mostra, descrive la ricerca dell'artista:

"Chiara Gatto accosta, senza remore né timori, realtà terrigna e derive psichiche. La sua ricerca sembra privilegiare la dimensione dell'inconscio e della superstizione, inscenando voli pindarici tra la superficie della forma e la profondità del contenuto. La sospensione del senso è per l'artista il fondamento poetico di una ricerca espressiva giocata sull'instabilità, intesa come condizione privilegiata per l'esplorazione del confine tra visibile e invisibile. Scenari tetri e figure fantasmatiche si corrispondono in una bipolarità oscura: non si comprende se siano gli ambienti il riflesso di una tristezza interiore dei protagonisti o, al contrario, siano questi ultimi a soffrire del male che affligge i luoghi che li ospitano. Le sue stanze costituiscono la giusta metafora di una società compromessa, estraniante e luttuosa. Mentre nelle pareti sembrano riverberarsi i dubbi e i drammi degli anonimi protagonisti, miseri supereroi, animali di carta e pesanti origami divengono i dominanti archetipi di un'esistenza folle.
Così come la tranquillità dello scenario domestico si piega di fronte ad un persistente senso d'inquietudine, la perfezione prospettica cede il passo a puerili assonometrie, non di rado sacrificate a saturazioni monotonali. La materia cromatica, ridotta a poche tinte, si stratifica e si compone per tasselli, dando forma ad una poetica ricerca dei luoghi fisici e memoriali, in avvicendamenti e sovrapposizioni emotive che si sono stratificate in corso d'opera. Atmosfere cupe ma vibranti di pathos, sono abitate da figure vampiresche o allucinate, ora spaventose ora estranianti; figure disarticolate entro spazi instabili, saturi nelle cromie e connotati da un vuoto esistenziale prima che materiale.
Il valore della pittura di Chiara risiede nella capacità d'indagare la soglia tra produzione "normale" e "psicotica". La sua è un'umanità sconcertante, grottesca, carica di valenze emotive, che sembra interrogarci sulla possibilità di collegare tipologia fisica e stato di alterazione interiore. Mediante una sintassi iconica di disarmante semplicità l'artista ci coinvolge in teatrini folli, soggiogandoci. Il pensiero, apparentemente libero di spaziare, ne resta in realtà imprigionato. Ed è in quel momento che si perde la levità della visione e alla pura contemplazione segue l'amara riflessione".

Chiara Gatto nasce a Bari nel 1990. Conseguita la laurea presso l'Accademia di Belle Arti di Bari, si dedica con ingegno alla pittura giungendo alla formulazione di un repertorio figurativo d'indiscussa originalità, in cui si compendiano vigore espressionista e pratiche surrealiste. Da circa tre anni è impegnata in un'alacre attività espositiva. Nel 2012 inaugura la sezione "Previsioni" del Beluga Art Project Space di Rutigliano (BA), allestendo la doppia personale con Gianmaria Giannetti La Donna Elefante cerca sempre la verità elefante, a cura di Antonella Marino. Nel 2013 firma il quinto progetto "Wall in progress", curato da Marilena di Tursi, presso la Galleria Bluorg di Bari. Nello stesso anno partecipa a numerose collettive: Ibridazione, al Beluga Art Project Space di Rutigliano (BA); Spiaggia Libera Anno Zero, a cura di Antonella Marino, allestita al Coco Beach Club di Cozze-Polignano nell'ambito del "Beluga Art Project"; I low art, presso la galleria Artcore di Bari; Santi Medici tra arte e medicina, a cura di Vito Caiati, a Bitonto, negli spazi del Torrione Angioino. Nel 2013 ha seguito il workshop internazionale di arte e design Vajkard in Slovenia. Nello stesso anno è tra gli artisti menzionati della X edizione del Premio Nazionale delle Arti. Nel 2014 ha partecipato con la galleria Formaquattro di Bari ad "Affordable Art Fair" di Milano.



Galleria Formaquattro
Via Argiro 73 – 70124 Bari
Tel. 080 5612271 Fax 080 2145926

Mostra personale di Enrico Lombardi



         In occasione dell'apertura della nuova sede, la Catania Art Gallery, allestisce una personale del pittore Enrico Lombardi, curata dal critico romano Arnaldo Romani Brizzi, contenente 20 opere che coprono un arco di tempo che va dal 2009 al 2013. In questa selezione, in cui sono presenti alcuni dei lavori più importanti della ricerca recente dell'artista, il tema dominante è "l'ombra", da cui il titolo della mostra. Quest'ombra, irrazionale e innaturale, invade e corrode le immagini di luoghi silenziosi e remoti, dalla forte valenza psichica e simbolica. Tutte le opere appartengono a due serie pittoriche diverse, ma conseguenti: "Sentinelle del tempo" e "Bassa marea".

 

 

INAUGURAZIONE SABATO 4 OTTOBRE 2014 ORE 18

Catania Art Gallery- Via San Michele 32/34- Catania

dal 4 ottobre al 3 novembre 2014

orari: dal martedì alla domenica 17/21. Mattino su appuntamento.

info:

         In occasione dell'apertura della nuova sede, la Catania Art Gallery, allestisce una personale del pittore Enrico Lombardi, curata dal critico romano Arnaldo Romani Brizzi, contenente 20 opere che coprono un arco di tempo che va dal 2009 al 2013. In questa selezione, in cui sono presenti alcuni dei lavori più importanti della ricerca recente dell'artista, il tema dominante è "l'ombra", da cui il titolo della mostra. Quest'ombra, irrazionale e innaturale, invade e corrode le immagini di luoghi silenziosi e remoti, dalla forte valenza psichica e simbolica. Tutte le opere appartengono a due serie pittoriche diverse, ma conseguenti: "Sentinelle del tempo" e "Bassa marea".

 

 

INAUGURAZIONE SABATO 4 OTTOBRE 2014 ORE 18

Catania Art Gallery- Via San Michele 32/34- Catania

dal 4 ottobre al 3 novembre 2014

orari: dal martedì alla domenica 17/21. Mattino su appuntamento.

info: cataniaartgallery@libero.it - info@cataniaartgallery.it

tel.: 392 5992282 – 392 2462854

Mercoledì primo ottobre a Penne finissage della mostra "Il sapere della forma"


 

"Il sapere della forma": l'1 ottobre finissage a Penne

con la presentazione del catalogo.

Si conclude mercoledì la mostra tra arcaico e contemporaneo

inaugurata lo scorso luglio.

 

Si concluderà ufficialmente mercoledì 1 ottobre la mostra di scultura contemporanea "Il sapere della forma. Arcaicità e contemporaneità" inaugurata lo scorso luglio a Penne all'interno dell'ottava edizione di "Jazz and Wine". In occasione del finissage, che si svolgerà alle 17,00 all'interno del museo archeologico Leopardi, il sindaco di Penne Rocco D'Alfonso, il presidente della Fondazione Musap Fernando Di Fabrizio e i curatori della mostra Antonio Zimarino e Laura Cutilli presenteranno il catalogo "Il sapere della forma" alla presenza dei sedici scultori che hanno partecipato a questo progetto.

 

La mostra è stata realizzata dalla Fondazione Penne Musei e Archivi in collaborazione con il Comune di Penne, grazie al contributo della Fondazione Pescarabruzzo. Hanno partecipato gli artisti Marco Appicciafuoco, Fausto Cheng, Angelo Colangelo, Mario Costantini, Luigi Di Fabrizio, Francesco D'Incecco, Salvatore Fornarola, Licia Galizia, Duccio Gammelli, Antonio Giancaterino, Pasquale Martini, Sergio Nannicola, Antonio Quaranta, Gino Sabatini Odoardi, Giancarlo Sciannella e Franco Summa.

 

«In questa rassegna ospitata negli ambienti del Museo Archeologico abbiamo ipotizzato un percorso inverso rispetto alla suggestiva e attualissima immaterialità propria della video arte – spiegano Antonio Zimarino e Laura Cutilli, curatori della mostra –  Abbiamo infatti pensato di focalizzare l'attenzione sulla "materialità" della forma scultorea, mettendo visivamente in relazione le opere di alcuni significativi artisti italiani dell'area centro-adriatica con le forme e i reperti/modelli arcaici presenti nelle sale del Museo, che documentano le antichissime culture presenti proprio nel Centro Italia e nell'area Vestina. L'idea è stata quella di stimolare un dialogo tra le forme arcaiche e quelle della contemporaneità, per scoprire un sapere comune, ancora oggi presente nonostante le mutate condizioni tecnologiche e sociologiche, laddove 'il sapere' sta per quell'insieme di conoscenze che si sono acquisite con lo studio o che si possiedono attraverso l'esperienza. Le opere di scultori che appartengono a generazioni e linguaggi diversi esprimono infatti la forza di un legame millenario, mai estinto con la forma che si è esibita nel quotidiano, nel mistico e nel monumentale».

 

Inaugura il 2 ottobre la galleria SpazioCima con la mostra di Natino Chirico "Charlot. Viaggio di un vagabondo", Roma


Cultura Arte Spettacoli & Cronaca di Roma 
IL MITO DI CHARLOT RIVIVE SULLE TELE DELL'ARTISTA NATINO CHIRICOCON UN TESTO INEDITO DI ERRI DE LUCA.

LA MOSTRA CHARLOT. VIAGGIO DI UN VAGABONDO IDEATA NEL CENTENARIO DEL DEBUTTO SU GRANDE SCHERMO DEL CELEBRE PERSONAGGIO DI CHARLIE CHAPLIN, INAUGURA IL 2 OTTOBRE SPAZIOCIMA, LA NUOVA GALLERIA D'ARTE A COPPEDÉ DIRETTA DA ROBERTA CIMA


Verrà inaugurata Giovedì 2 Ottobre 2014 con la personale di Natino Chirico Charlot. Viaggio di un Vagabondo la galleria SpazioCima, luogo d'arte e spazio polifunzionale nel cuore del quartiere Coppedè di Roma (Via Ombrone, 9 – www.spaziocima.it).

La mostra a tema cinematografico Charlot. Viaggio di un vagabondo di Natino Chirico ispirata alla leggendaria icona chapliniana (il cui debutto su grande schermo risale ad un secolo fa, esattamente nel 1914 con la serie di mediometraggi "Charlot Apprendista", "Charlot si distingue", ecc…) permette a SpazioCima di proseguire il lungo rapporto che lega Coppedé al grande schermo. Basti pensare che l'arco che sormonta l'ingresso del palazzo situato al civico 2 di Piazza Mincio è una fedele riproduzione di una scenografia del kolossal Cabiria, così come alcune strade e villini del quartiere furono scelti dal regista Dario Argento come set naturale dei suoi film Inferno e L'uccello dalle piume di cristallo, senza dimenticare le sequenze iniziali del film Il presagio, 1976, diretto da Richard Donner e interpretato dalla star hollywoodiana Gregory Peck.

Charlot. Viaggio di un vagabondo è accompagnata da un testo, inedito, a cura dello scrittore Erri De Luca che scrive per l'occasione: "… Il biancoenero calza su di lui, come il secolo stesso alla sua faccia. Di nessun altro tempo né scacchiera poteva essere pedone, con le sue scarpe a vanvera. Oggi dei giovanotti di buona famiglia, trovandolo di notte a dormire sopra una panchina, gli darebbero fuoco o bastonate. Senza motivo? Anzi, per quello sempreverde dell'impunità. Natino Chirico venera e rispetta: umiltà di premessa a ogni resa in campo artistico. Senza quinta, qui Charlot è scontornato dal mondo. Qui manca l'ombra, lui come i fantasmi non ne porta. Qui ci sta il bianco della carta e il nero dell'inchiostro dei suoi panni, perché lui è la scrittura sghemba a stampatello del 1900…".

SpazioCima è un luogo destinato a ospitare mostre d'arte, workshop, seminari e un caffè letterario; uno spazio nuovo per rappresentazioni teatrali, reading e presentazioni di libri, dove la creatività, la voglia di incontrarsi e confrontarsi si danno appuntamento per dare vita a momenti di scambio continui, per tutti, non soltanto appannaggio di un pubblico d'élite.

"Ho fortemente voluto creare questo spazio perché l'arte è senza dubbio la forma di comunicazione ed espressione in cui credo di più", dichiara la direttrice Roberta Cima. "Ritengo infatti che sia un prezioso aggregatore sociale, un'occasione per stare insieme, condividere, arricchirsi".

SpazioCima inaugura così giovedì 2 Ottobre un calendario ricco di eventi, mostre e proposte di vario tipo. Dopo Charlot. Viaggio di un vagabondo di Natino Chirico (chiusura prevista per il 30 Ottobre), SpazioCima ospiterà dal 5 al 29 novembre l'esposizione, a cura di Alessandro Trabucco, "Street View" di Andrea Marcoccia e Gian Paolo Morabito, le cui opere –  che siano vedute a volo d'uccello degli agglomerati urbani delle megalopoli americane, o dettagli caratteristici di alcune facciate di architetture cittadine come negozi o abitazioni – hanno inconsapevolmente anticipato l'omonimo strumento di Google Maps che offre l'opportunità di avere un'anteprima realistica di una zona di interesse.

Seguirà poi, dal 3 dicembre al 17 gennaio 2015, la personale di Mauro Molle "Stop E-Motion", in cui l'artsta presenterà alcuni lavori eseguiti dal 2013 ad oggi sul tema delle DeCostruzioni, che realizza ritraendo frammenti composti e componibili in cui l'intenzione estetica è quella di dare immagine al ritmo umano.

Ma diversi sono gli appuntamenti già previsti anche per il prossimo anno, a partire da febbraio con Emanuela Lena e i suoi "Contextus", opere incentrate sui nodi e le reti di relazione: rappresentazioni archetipiche di tutti i processi vitali psicologici e sociali, in cui l'annodamento del lenzuolo ormai irriconoscibile nelle torsioni, con l'uso ossessivo del bianco, diventa atto simbolico di costruzione e de-costruzione della realtà e dei contesti.

A marzo sarà poi la volta di Mauro Bellucci, esponente di spicco dell'ultima generazione  italiana della Pop-Art orientato alla reinterpretazione di certi ambiti dell'esperienza umana secondo codici caratterizzati da una forte contrapposizione ipertestuale e simbolica, contemporaneamente finalizzati alla rielaborazione dello stesso tessuto connettivo rispetto al contemporaneo e immaginario collettivo.

Ad aprile seguirà la personale di Sandro Tiberi, fabrianese esperto nell'arte della fabbricazione della carta a mano che ha reso famosa la sua città, e fondatore della "Cartiera Artigiana in Fabriano", che a SpazioCima esporrà i suoi prodotti eleganti e innovativi, frutto del sapiente utilizzo di pregiate materie prime e di una meticolosa attenzione al design.

Appuntamento di maggio invece la mostra di Ernesto Morales, artista argentino che, attraverso diverse manifestazioni del paesaggio, crea dei collegamenti con i luoghi dell'inconscio e della memoria, e delle migrazioni fisiche e mentali, dove le cose hanno la sola consistenza della luce e dell'immaginazione, ponendosi in dialogo con il realismo magico sudamericano che gli appartiene.

Chiude infine la stagione Andrea Marcoccia che tornerà a giugno del 2015 con una personale che vedrà protagonisti i suoi "luoghi": rappresentazioni pressoché stilizzate di scenari reali decontestualizzati e privati di ogni tratto caratteristico.

A margine del ciclo di mostre SpazioCima propone inoltre una serie di eventi collaterali, tra cui corsi, seminari e iniziative culturali diversificate, pensate per rispondere agli interessi di tutti.
Dal 6 ottobre al 22 dicembre sarà perciò possibile partecipare ai corsi di floral design curati da Maya de Roo Floral Design: dieci incontri in cui apprendere o perfezionare la conoscenza dell'arte floreale.

Il 26 e 27 ottobre invece il workshop "La carta e le tecniche creative", tenuto da Sandro Tiberi, sarà l'occasione per imparare le tecniche di utilizzo e conservazione della carta, e la magia di un processo quasi alchemico che trasforma un liquido informe in un'opera dell'uomo.

Con Mauro Molle, dal 9 all'11 gennaio poi tre giorni dedicati all'arte del fumetto, per scoprire o approfondire i segreti della "letteratura disegnata", e un corso di disegno e pittura che illustrerà il percorso della creazione artistica, dalla scelta dei materiali alla realizzazione di un quadro.

Tutti i giorni infine il Caffè ad Arte, all'interno di SpazioCima, offrirà ai visitatori un elegante punto ristoro, dove sarà possibile trovare e sfogliare preziosi libri d'arte, in un magnifico angolo della capitale, a due passi dal centro.

 
SpazioCima è aperto dal martedì al sabato dalle ore 15:30 alle 19:30
Per info:
SpazioCima, via Ombrone 9, Roma
email: info@spaziocima.it; tel: 06 85302973

Mostra su Marilyn Monroe a Tiferno Comics 2014: grande successo per l’inaugurazione!


Grande successo per l'inaugurazione della 12a edizione di Tiferno Comics, Fumetto e Arte, con la mostra "Sorella Marilyn" che si è tenuta sabato 27 settembre 2014, nel pomeriggio, a Città di Castello.

Organizzata e curata dall'Associazione Amici del Fumetto di Città di Castello, la mostra, ad oltre 50 anni dalla morte di Marilyn Monroe, ne celebra il mito con opere a lei ispirate.
Sono esposte opere pittoriche, fotografiche, cinematografiche, poetiche e, in particolare con il fumetto.

La prima parte dell'inaugurazione della manifestazione si è svolta presso l'Auditorium di Sant'Antonio: lì hanno preso parte autorità, sponsor, alcuni artisti presenti con le proprie opere in mostra e giornalisti.

Si è poi proseguito per Palazzo Vitelli a Sant'Egidio per la visita della mostra "Sorella Marilyn".

Da segnalare che, durante l'arrivo degli ospiti all'inaugurazione della mostra, nello spazio antistante Palazzo Vitelli a Sant'Egidio, si è tenuta una performance in diretta del writer Bros, Daniele Nicolosi.

Entusiasmo alle stelle tra i componenti dell'Associazione Amici del Fumetto di Città di Castello, presieduti da Gianfranco Bellini, per il gradimento del pubblico che domenica 28 settembre ha visitato la mostra ed ha potuto assistere ad un "evento nell'evento": in una sala del Piano Nobile dove si svolge la mostra, si è tenuta l' "Intervista a Marilyn Monroe. Faccia a faccia improbabili tra morti e viventi"  del drammaturgo italo-americano Mario Fratti.

Protagonisti di tale spettacolo sono stati lo stesso Mario Fratti, proveniente da New York e Chiara Colizzi nella parte di Marilyn.

Dato il flusso delle persone, è stato necessario replicare questa iniziativa del cartellone di Tiferno Comics.

Sono 120 le opere esposte, più 4 storie a fumetti con circa 60 tavole dei seguenti artisti: Fabiano Ambu, Roberto Baldazzini, Severino Baraldi, Giancarlo Berardi, Sergio Bonelli, Enrique Breccia, Bros, Guido Buzzelli, Silvano Nano Campeggi, Renato Casaro, Giovanna Casotto, Sergio Cavallerin, Giorgio Cavazzano, Mauro Cicarè, Gianluigi Colin, Guido Crepax, Roberto De Angelis, Edgardo Dell'Acqua, Gianni De Luca, Aldo Di Gennaro, Pablo Echaurren, Paolo Garretto, Vittorio Giardino, Angela e Luciana Giussani, Giuliano Grittini, Carlo Jacono, Marco Lodola, Milo Manara, Alda Merini, Ivo Milazzo, Ugo Nespolo, Lucio Parrillo, Pier Paolo Pasolini, Andrea Pazienza, Federico Penco, Anna Pennati, Arturo Picca, Claudio Piccoli, Ferenc Pinter, Hugo Pratt, Nicolò Rossetto, Mimmo Rotella, Sergio Sarri Sesar, Sam Shaw, Marco Soldi, Gianpaolo Tomassetti, Sergio Toppi, Andy Warhol.

A proposito della scelta di una icona come l'attrice americana, per la mostra di Tiferno Comics, Vincenzo Mollica, "amico storico" dell'Associazione Amici del Fumetto di Città di Castello che organizza la manifestazione, dichiara:

"Ancora Marilyn, sempre Marilyn! Nessuna attrice ha saputo creare un rapporto di così grandevicinanza con il pubblico come lei; nessuna ha saputo regalare come lei illusione e verità con la sua vita e la sua arte volate via troppo in fretta; nessuna come lei è sbocciata e mai sfiorita; nessuna come lei ha dato vita ad una bellezza eloquente e insieme misteriosa che non conosce la parola fine; nessuna come lei ha fatto della sua vita uno dei romanzi più intensi del novecento; nessuna come lei si è buttata nel mare della vita senza salvagente, navigando smarrita senzabussola la gioia e il dolore; nessuna come lei ha avuto un'immensa bellezza che prendeva la forma e l'anima della sua immensa fragilità; nessuna come lei da quando è apparsa su questa terra ha mai smesso di essere musa, fonte limpida di immaginazione, che si fa poesia, pittura, fumetto, illustrazione, fotografia, canzone, romanzo, favola, vita... cinema; nessuna come lei per Pasolini è stata sorella e per Alda Merini luce; nessuna come lei per tutti noi è stata un bel vento che soffia ancora".

La mostra si potrà visitare fino al 9 novembre 2014 nei seguenti orari:
dal mercoledì alla domenica 10 -12.30 / 15.30 – 19
Ingresso € 5,00 - gratuito fino a 14 anni.

L'esposizione è con il patrocinio e la collaborazione di: Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Città di Castello, Camera di Commercio di Perugia, Gruppo Azione Locale Alta Umbria, Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello, Associazione Palazzo Vitelli a Sant'Egidio, Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.
Con il sostegno di Eni, Aboca, Cepu Arte, Casse di Risparmio dell'Umbria, Grifa SpA Cartotecnica.
Sponsor: Bacchi, Ranieri, Famila, Toro Assicurazione, Star Shop, Renzini, Banca di Anghiari e Stia, Faza,  Wtp, Macdonald, Banca di Mantignana, Sogepu, Cavallotti, Litocolor, Lucciola, Fonti, Fat, Clm, Ilce, Tandem, Boninsegni, Tela Umbra, Vandini, Salpa, Axa, Scuola Operaia Bufalini.

*****

L'Associazione Amici del Fumetto di Città di Castello, guidata dal Dott. Gianfranco Bellini, e la sua Mostra "Tiferno Comics" nascono dalla volontà di un piccolo gruppo di amici di appassionati del genere che nel lontano 2003 decisero di fare una mostra in omaggio del concittadino Fernando Fusco, storico disegnatore di Tex. la voglia di proseguire sulla strada intrapresa, riuscendo così, nel corso dei dodici anni di manifestazione, a portare grandi nomi a Città di Castello.

Primo fra tutti, Vincenzo Mollica; e poi, tutto quel susseguirsi di personaggi ed illustratori da Pratt a Manara, da Giardino a Cavazzano, Andrea Pazienza, passando per i principali comics italiani come Diabolik, Dylan Dog, Jacovitti, per arrivare a Lupo Alberto.

Le mostre sono sempre state delle vere e proprie antologie di ogni personaggio o illustratore, uniche in Italia, con pezzi rari, unici, originali.

"Tiferno Comics", negli anni, è molto cresciuta ed è diventata un punto di riferimento del genere in Italia ed uno dei "grandi eventi" di Città di Castello.

*****
 

INFORMAZIONI AL PUBBLICO E PRENOTAZIONI VISITE GUIDATE:
Tel. 331 8158170 – 338 3889022



Domani ore 18.30 inaugurazione mostra di Greg Gong presso Luce Gallery Torino



Luce Gallery presenta

 

GREG GONG

 

Inaugurazione 

Martedì 30 Settembre 2014 ore 18.30

 

In mostra 30 Settembre - 3 Novembre 2014

Orario da martedì a sabato, ore 15.30 - 19.30

 

Luce Gallery, corso San Maurizio 25, Torino
 


Immagine

Greg Gong - Untitled, 2014 oil on canvas (cm 122X91,5)


domenica 28 settembre 2014

Stasera con Marcello a Fontana Liri (FR)

Omaggio a Marcello Mastroianni a 90 anni dalla sua nascita

Nel corso della serata saranno esposti alcuni ritratti della pittrice Agnes Preszler raffiguranti Marcello Mastroianni, Umberto Mastroianni e Vittorio de Sica


ritratto di Marcello Mastroianni

Programma della serata



sabato 27 settembre 2014

Domenico Mangano - Avantieri - A cura di Stefania Galegati Shines


Domenico Mangano

Avantieri




A cura di Stefania Galegati Shines

11/10/2014 - 15/01/2015

Inaugurazione: 10/10/2014 – ore 19:00 


La Galleria Francesco Pantaleone è lieta di presentare la nuova mostra personale di Domenico Mangano. Dopo quasi quindici anni dal debutto e la vincita del Genio di Palermo, l'artista palermitano, che dal 2010 vive e lavora ad Amsterdam, torna nella sua città natale per presentare una serie di progetti recenti.

La ricerca di Mangano, sin dagli esordi, si focalizza sulle marginalità locali, outsider, situazioni alternative, resistenza o fuga delle regole sociali. La posta in gioco per l'artista è perdersi metaforicamente nei particolari, per arrivare a presentare una relazione universale con uno scenario fatto di umanità, lingue e paesaggi. Il suo trasferimento nel nord dell'Europa ha arricchito questo indagare con l'aggiunta delle utopie e tolleranze dei sistemi organizzativi e comunitari olandesi. 

Il primo blocco di opere presenti in mostra è stato realizzato da Mangano durante la residenza d'artista presso la Kunsthuis Syb in Friesland (NL), supportata dal Mondriaan Fonds. L'artista ha trascorso cinque settimane nel De Wissel (Il Cambio) un centro specializzato che ospita persone con disabilità mentali e handicap multipli. Mangano ha partecipato a tutte le attività e ai ritmi della comunità con l'intento di svelarne una testimonianza poetica alla scoperta di questo microcosmo senza tempo. 

Il risultato di quest'operazione si è concretata nella realizzazione del film Bird singing, sandy ground, da una serie di quindici fotografie dal titolo De Wissel che ritraggono personaggi e location del girato e infine da una gamma di bozzetti concernenti la realizzazione di un libro per bambini suggerito da questa esperienza che ha come protagonisti gli abitanti strampalati di questo " Magico villaggio" dei Paesi Bassi. 


Il film verrà presentato al Cinema Vittorio De Seta, ai Cantieri Culturali  alla Zisa mercoledì 8 Ottobre alle 21:00 seguirà un breve dibattito.


Infine Mangano, per questa collaborazione con FPAC, realizzerà Avantieri un lavoro specifico dedicato alla lingua siciliana. L'incauto tentativo dell'artista consiste nell'organizzare una tavola rotonda dove la lingua dialettale diventa un atto d'immaginazione e d'invenzione, nello specifico quella di un tempo futuro che nel dialetto siciliano non esiste. L'artista inviterà un gruppo riservato di esperti di dialetto siciliano quali teatranti, cantastorie, poeti, ma anche gente comune a partecipare a una cena particolare. L'esperimento sarà diretto da un manifesto redatto dall'artista che indicherà regole e intenzioni atte a stimolare gli invitati a dialogare sull'impossibilità o attuabilità del tema. L'evento avrà l'assistenza della curatrice Maria Rosa Sossai in veste di moderatrice della cena.

Tutta l'operazione sarà registrata in presa diretta con dei microfoni e in seguito la traccia audio editata sarà installata negli spazi della galleria con atmosfera eroicomica. 


Domenico Mangano si è affermato sulla scena nazionale Italiana e internazionale all'inizio degli anni duemila per le sue opere fotografiche e video che si collocano tra il surreale e il documentativo. Per l'artista porsi su questo limite è da sempre la cifra stilistica con cui indagare i contrasti della realtà e la relazione possibile tra i massimi sistemi e le situazioni quotidiane. 




Domenico Mangano nato a Palermo (Italia) nel 1976, vive e lavora ad Amsterdam (Paesi Bassi).

Dal 2000 ad oggi ha preso parte alle seguenti mostre:

2014, DE WISSEL, Kunsthuis Syb, Beetsterzwaag, Netherlands; 2013, THE MARGULIES COLLECTION at the Warehouse, Miami, USA; TRIP AND TRAVELING, KCCC, Klaipeda, Lithuania; WERK IS LEVEN, Magazzino, Rome; A LOVE MEAL, Whitechapel Gallery, London, UK; 2012, DOTEK / TOUCH, Futura, Prague, Czech Republic; WARGAME, LWZ Projekte, Wien, Austria; LANDSCAPE ON THE MOVE, De Kabinetten van De Vleeshal, Middelburg, Netherlands;
2011, SOCIAL IDENTITY, Italian Video Art Today, between Ethic and Esthetic, Crane Arts, Philadelphia USA; 2010, OTHERS, Fondazione Puglisi Cosentino, Catania; YOU-WE + ABLO video dalla collezione Sandretto Re Rebaudengo, Rotonda di Via Besana, Milano, Italy; LANGUAGES AND EXPERIMENTATIONS, Young artist in a contempory collection, Mart Rovereto; 2009, TWINKLE TWIDDLE, Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia, Roma; 2ND ATHENS BIENNALE 2009
, HEAVEN, Greece; PASSAGGI IN SICILIA: La Collezione di Riso e oltre, RISO Museo d'Arte Comtemporanea di Palermo; ITALICS: Italian Art Between Tradiction and Revolution, 1968- 2008, Museum of Contemporary Art of Chicago and Palazzo Grassi Venice.
2008, REVOLVING BOUNDARIES: Artist-in-residence-program GALLERIA AIKE DELLARCO Shanghai, China;  OVER THE BLURRING SHINE, Museo Endrik C. Andersen, Roma; WORLDS ON VIDEO - INTERNATIONAL VIDEO ART, Centro di Cultura Contemporanea Strozzina; VIDEOCRACY, Video Exhibition, site-specific and performance projects,Tina B. Prague; 2007, ISCP: INTERNATIONAL STUDIO & CURATORIAL PROGRAM; HAPPY ENDING, Magazzino, Roma;
2006, ART UNLIMITED VIDEO SECTION, Art | 37 | Basel; 2005, XIV QUADRIENNALE, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma; 2004, PAESAGGIO ITALIANO, VIDEOZONE 2: The Second International Video Art Biennial in Israel, Tel Aviv; 2003
- TORINO FILM FESTIVAL. Sezione Falsi Raccordi. Torino; BIENNALE DI PRAGA, Veletrzni Palac; FAME, LEGGI IN INGLESE READ IN ITALIAN, Premio FURLA per l'arte, IV Edizione, Venezia, Fondazione Querini Stampalia; 2002, EXIT: Nuove geografie della creatività italiana, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; 2001, LA FOLIE DE LA VILLA MEDICIS: Villa Medici Accademia di Francia, Roma; ATELIERS D'ARTISTES, Marseille, France.


* Il film verrà presentato al Cinema Vittorio De Seta, ai Cantieri Culturali  alla Zisa mercoledì 8 Ottobre alle 21:00 seguirà un breve dibattito.


il film verrà proiettato al Cinema Vittorio De Seta ai Cantieri Culturali come evento collaterale al Festival I Cantieri del Contemporaneo, il progetto ideato da Giuseppe Marsala.


In Collaborazione con Palermo soul  http://palermosoul.com/












Francesco Pantaleone arte Contemporanea

Via Vittorio Emanuele 303

(Palazzo Di Napoli - Quattro Canti)

90133, Palermo


+39 091 332482 / +39 393 4356108 mobile

http://www.fpac.it


venerdì 26 settembre 2014

MADE4ART Milano: mostra "Devid Rotasperti. Evanescenze Nordiche" - con preghiera di segnalazione



Devid Rotasperti. Evanescenze Nordiche

a cura di Vittorio Schieroni ed Elena Amodeo

Evento organizzato in occasione della Decima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI - Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani

M4A - MADE4ART, Milano
30 settembre - 14 ottobre 2014
Inaugurazione martedì 30 settembre, ore 18.30
Special cocktail in occasione della Decima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI sabato 11 ottobre, ore 18

Lo spazio Made4Art di Milano partecipa alla Decima Edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI - Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani con una personale dell'artista e fotografo Devid Rotasperti (Bergamo, 1973) presentando una selezione di lavori inediti rappresentativi della sua recente produzione artistica.

Purezza, lievità, giochi di luce, natura incontaminata. Le eteree figure femminili ritratte da Rotasperti in candidi abiti da sposa trovano la loro ideale ambientazione negli intatti paesaggi delle Isole Faroe, arcipelago danese nel nord dell'Oceano Atlantico tra Scozia, Norvegia e Islanda: presenze a cavallo tra realtà e sogno, visioni oniriche catturate dall'obiettivo. Immagini che sfuggono a ogni riferimento spaziotemporale, dove il soggetto e il contesto non conoscono nette linee di demarcazione, ma finiscono per dissolversi o fondersi, intrecciandosi indissolubilmente.

Evanescenze Nordiche, a cura di Elena Amodeo e Vittorio Schieroni, è una mostra elegante e poetica, dalla forte componente estetica, con opere nelle quali sono evidenti i richiami alle leggende e ai miti nordici, immergendo l'osservatore in luoghi che gli antichi ritenevano popolati di creature magiche e soprannaturali. Le atmosfere sospese per la densa nebbia, per l'acqua delle cascate o per la luce abbagliante del Nord sono uno degli elementi ricorrenti nella produzione artistica di Rotasperti, spazi naturali nei quali si muovono le sue figure femminili, che vanno gradualmente a confondersi con essi in un'unione armonica, dove l'elemento individuale confluisce nel tutto.

La Personale di Devid Rotasperti, con data di inaugurazione martedì 30 settembre alle ore 18.30, sarà visitabile fino al 14 ottobre. Sabato 11 ottobre, in occasione della Decima edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, si terrà presso la sede di Made4Art uno special cocktail con l'artista dalle ore 18; durante la serata verrà presentata un'installazione artistica di abiti e tessuti in collaborazione con il brand Domo Adami.

Devid Rotasperti nasce a Bergamo il 13 settembre 1973. Si avvicina alla fotografia durante un viaggio di tre mesi in Europa, quando cattura in immagini emozionali i volti e i dettagli di terre incantevoli. Tornato in Italia, frequenta un corso di reportage presso l'Accademia John Kaverdash di Milano e decide di dedicarsi completamente alla fotografia. I suoi scatti sono pubblicati sulle pagine di importanti riviste del Wedding e, nel 2012, entra a far parte della WPJA - The Wedding Photojournalist Association. L'ispirazione artistica arriva nel 2014 in occasione di un viaggio alle Isole Faroe in collaborazione con VisitFaroeIslands. Immerso in una nebbia corposa o accanto a una cascata, Devid fotografa la leggerezza e l'evanescenza di una figura vestita da sposa, con un morbido velo tra le mani. Un contrasto concreto tra poesia e natura selvaggia.

Devid Rotasperti. Evanescenze Nordiche
a cura di Elena Amodeo e Vittorio Schieroni
M4A - MADE4ART | Via Voghera 14 - ingresso da Via Cerano, 20144 Milano
30 settembre - 14 ottobre 2014 | inaugurazione martedì 30 settembre, ore 18.30
Special cocktail in occasione della Decima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI sabato 11 ottobre, ore 18
Orari di apertura: martedì - venerdì ore 10 - 13 e 16 - 19, lunedì e sabato ore 16 - 19
Info:
www.made4art.it, info@made4art.it, t. +39.02.39813872
Con il Patrocinio di VisitFaroeIslands - Organizzazione turistica ufficiale delle Isole Faroe
Con il Patrocinio di VisitDenmark - Organizzazione turistica ufficiale della Danimarca
Media partner: Espoarte
Si ringrazia Domo Adami per la collaborazione  


GIOVEDI' 2/9 LA PRIMA MOSTRA DEL BUSINESS DELLA TRADIZIONE

Giovedì 2 Ottobre alle ore 10,00

al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi

in Via XXIV Maggio 43, Roma

 
 IL BUSINESS DELLA TRADIZIONE

Con la prima esposizione delle iniziative che trasformano

i ricordi del passato in idee imprenditoriali

 

La crisi spinge gli italiani verso uno stile di vita piu' sobrio e ad abbandonare le trasgressioni per rifugiarsi nelle esperienze collaudate di genitori e nonni e così la tradizione  diventa business con il moltiplicarsi di iniziative che trasformano i ricordi del passato in idee imprenditoriali che creano lavoro e contribuiscono alla ripresa economica. A fotografare per la prima volta la dimensione del fenomeno sono le donne della Coldiretti in occasione del 60esimo anno dalla nascita di "donne impresa" il prossimo 2 ottobre 2014 dalle ore 10.00 al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi in via XXIV Maggio 43 a Roma.

 

Gli antichi segreti del passato custoditi nelle campagne sono stati raccolti dalle nuove generazioni di imprenditrici per renderli disponibili a tutti. Dal ritorno dei tessuti naturali dal baco all'atelier, gli accessori country alla moda, dagli agridetersivi ai cosmetici naturali, dai giocattoli contadini fatti a mano senza sostanze chimiche agli abiti anallergici con tinture vegetali ma anche la riscoperta delle proprietà terapeutiche dei prodotti della natura, le conserve della nonna o il recupero di bevande antiche sono solo alcune delle storie di impresa che saranno raccontate con dimostrazioni pratiche nella prima show room "Il business della tradizione" allestita nell'occasione.

 

La capacità di legare innovazione alla tradizione è uno dei fattori di successo dell'agricoltura italiana che è tra i settori che possono contare sulla maggiore presenza femminile come dimostra lo studio che sarà presentato nell'occasione.

 


4 NUOVE MOSTRE PERSONALI A SATURA

Satura art gallery

SATURA Art Gallery
Piazza Stella 5/1 16123, Genova Italy

 

4 NUOVE MOSTRE PERSONALI A SATURA

 

Sabato 27 settembre 2014 ore 17:00

Palazzo Stella – inaugurazione

Aperte fino all'8 ottobre 2014

Orario da martedì a sabato

dalle 15:30 alle 19:00

Genova, SATURA art gallery

SATURA art gallery è lieta di invitarvi all'inaugurazione dei prossimi eventi espositivi che si terrà, nei suggestivi spazi di Palazzo Stella, sabato 27 settembre 2014 alle ore 17:00.

Presenteremo le mostre personali di Andrea Facco "Sperimentazioni???" a cura di Andrea Rossetti, Gisela Hammer "Colourful Africa" a cura di Flavia Motolese, NECATI – Nello Catinello "La realtà e le nuvole" a cura di Elena Colombo, Michele Protti "Oggetto quasi" a cura di Marta Marin.

Con questo nuovo ciclo di esposizioni,

SATURA art gallery

rinnova il suo impegno nella promozione degli artisti contemporanei e nella ricerca di nuove tendenze nel panorama artistico internazionale.

giovedì 25 settembre 2014

Inaugura il 2 ottobre la galleria SpazioCima con la mostra di Natino Chirico "Charlot. Viaggio di un vagabondo", Roma




IL MITO DI CHARLOT RIVIVE SULLE TELE DELL'ARTISTA NATINO CHIRICOCON UN TESTO INEDITO DI ERRI DE LUCA.

LA MOSTRA CHARLOT. VIAGGIO DI UN VAGABONDO IDEATA NEL CENTENARIO DEL DEBUTTO SU GRANDE SCHERMO DEL CELEBRE PERSONAGGIO DI CHARLIE CHAPLIN, INAUGURA IL 2 OTTOBRE SPAZIOCIMA, LA NUOVA GALLERIA D'ARTE A COPPEDÉ DIRETTA DA ROBERTA CIMA.


Verrà inaugurata Giovedì 2 Ottobre 2014 con la personale di Natino Chirico Charlot. Viaggio di un Vagabondo la galleria SpazioCima, luogo d'arte e spazio polifunzionale nel cuore del quartiere Coppedè di Roma (Via Ombrone, 9 – www.spaziocima.it).

La mostra a tema cinematografico Charlot. Viaggio di un vagabondo di Natino Chirico ispirata alla leggendaria icona chapliniana (il cui debutto su grande schermo risale ad un secolo fa, esattamente nel 1914 con la serie di mediometraggi "Charlot Apprendista", "Charlot si distingue", ecc…) permette a SpazioCima di proseguire il lungo rapporto che lega Coppedé al grande schermo. Basti pensare che l'arco che sormonta l'ingresso del palazzo situato al civico 2 di Piazza Mincio è una fedele riproduzione di una scenografia del kolossal Cabiria, così come alcune strade e villini del quartiere furono scelti dal regista Dario Argento come set naturale dei suoi film Inferno e L'uccello dalle piume di cristallo, senza dimenticare le sequenze iniziali del film Il presagio, 1976, diretto da Richard Donner e interpretato dalla star hollywoodiana Gregory Peck.

Charlot. Viaggio di un vagabondo è accompagnata da un testo, inedito, a cura dello scrittore Erri De Luca che scrive per l'occasione: "… Il biancoenero calza su di lui, come il secolo stesso alla sua faccia. Di nessun altro tempo né scacchiera poteva essere pedone, con le sue scarpe a vanvera. Oggi dei giovanotti di buona famiglia, trovandolo di notte a dormire sopra una panchina, gli darebbero fuoco o bastonate. Senza motivo? Anzi, per quello sempreverde dell'impunità. Natino Chirico venera e rispetta: umiltà di premessa a ogni resa in campo artistico. Senza quinta, qui Charlot è scontornato dal mondo. Qui manca l'ombra, lui come i fantasmi non ne porta. Qui ci sta il bianco della carta e il nero dell'inchiostro dei suoi panni, perché lui è la scrittura sghemba a stampatello del 1900…".

SpazioCima è un luogo destinato a ospitare mostre d'arte, workshop, seminari e un caffè letterario; uno spazio nuovo per rappresentazioni teatrali, reading e presentazioni di libri, dove la creatività, la voglia di incontrarsi e confrontarsi si danno appuntamento per dare vita a momenti di scambio continui, per tutti, non soltanto appannaggio di un pubblico d'élite.
"Ho fortemente voluto creare questo spazio perché l'arte è senza dubbio la forma di comunicazione ed espressione in cui credo di più", dichiara la direttrice Roberta Cima. "Ritengo infatti che sia un prezioso aggregatore sociale, un'occasione per stare insieme, condividere, arricchirsi".

SpazioCima inaugura così giovedì 2 Ottobre un calendario ricco di eventi, mostre e proposte di vario tipo. Dopo Charlot. Viaggio di un vagabondo di Natino Chirico (chiusura prevista per il 30 Ottobre), SpazioCima ospiterà dal 5 al 29 novembre l'esposizione, a cura di Alessandro Trabucco, "Street View" di Andrea Marcoccia e Gian Paolo Morabito, le cui opere –  che siano vedute a volo d'uccello degli agglomerati urbani delle megalopoli americane, o dettagli caratteristici di alcune facciate di architetture cittadine come negozi o abitazioni – hanno inconsapevolmente anticipato l'omonimo strumento di Google Maps che offre l'opportunità di avere un'anteprima realistica di una zona di interesse.

Seguirà poi, dal 3 dicembre al 17 gennaio 2015, la personale di Mauro Molle "Stop E-Motion", in cui l'artsta presenterà alcuni lavori eseguiti dal 2013 ad oggi sul tema delle DeCostruzioni, che realizza ritraendo frammenti composti e componibili in cui l'intenzione estetica è quella di dare immagine al ritmo umano.

Ma diversi sono gli appuntamenti già previsti anche per il prossimo anno, a partire da febbraio con Emanuela Lena e i suoi "Contextus", opere incentrate sui nodi e le reti di relazione: rappresentazioni archetipiche di tutti i processi vitali psicologici e sociali, in cui l'annodamento del lenzuolo ormai irriconoscibile nelle torsioni, con l'uso ossessivo del bianco, diventa atto simbolico di costruzione e de-costruzione della realtà e dei contesti.
A marzo sarà poi la volta di Mauro Bellucci, esponente di spicco dell'ultima generazione  italiana della Pop-Art orientato alla reinterpretazione di certi ambiti dell'esperienza umana secondo codici caratterizzati da una forte contrapposizione ipertestuale e simbolica, contemporaneamente finalizzati alla rielaborazione dello stesso tessuto connettivo rispetto al contemporaneo e immaginario collettivo.

Ad aprile seguirà la personale di Sandro Tiberi, fabrianese esperto nell'arte della fabbricazione della carta a mano che ha reso famosa la sua città, e fondatore della "Cartiera Artigiana in Fabriano", che a SpazioCima esporrà i suoi prodotti eleganti e innovativi, frutto del sapiente utilizzo di pregiate materie prime e di una meticolosa attenzione al design.

Appuntamento di maggio invece la mostra di Ernesto Morales, artista argentino che, attraverso diverse manifestazioni del paesaggio, crea dei collegamenti con i luoghi dell'inconscio e della memoria, e delle migrazioni fisiche e mentali, dove le cose hanno la sola consistenza della luce e dell'immaginazione, ponendosi in dialogo con il realismo magico sudamericano che gli appartiene.

Chiude infine la stagione Andrea Marcoccia che tornerà a giugno del 2015 con una personale che vedrà protagonisti i suoi "luoghi": rappresentazioni pressoché stilizzate di scenari reali decontestualizzati e privati di ogni tratto caratteristico.

A margine del ciclo di mostre SpazioCima propone inoltre una serie di eventi collaterali, tra cui corsi, seminari e iniziative culturali diversificate, pensate per rispondere agli interessi di tutti.

Dal 6 ottobre al 22 dicembre sarà perciò possibile partecipare ai corsi di floral design curati da Maya de Roo Floral Design: dieci incontri in cui apprendere o perfezionare la conoscenza dell'arte floreale.

Il 26 e 27 ottobre invece il workshop "La carta e le tecniche creative", tenuto da Sandro Tiberi, sarà l'occasione per imparare le tecniche di utilizzo e conservazione della carta, e la magia di un processo quasi alchemico che trasforma un liquido informe in un'opera dell'uomo.

Con Mauro Molle, dal 9 all'11 gennaio poi tre giorni dedicati all'arte del fumetto, per scoprire o approfondire i segreti della "letteratura disegnata", e un corso di disegno e pittura che illustrerà il percorso della creazione artistica, dalla scelta dei materiali alla realizzazione di un quadro.
 
Tutti i giorni infine il Caffè ad Arte, all'interno di SpazioCima, offrirà ai visitatori un elegante punto ristoro, dove sarà possibile trovare e sfogliare preziosi libri d'arte, in un magnifico angolo della capitale, a due passi dal centro.

SpazioCima è aperto dal martedì al sabato dalle ore 15:30 alle 19:30
Per info:
SpazioCima, via Ombrone 9, Roma
email: info@spaziocima.it; tel: 06 85302973
Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI