Cerca nel blog

mercoledì 30 luglio 2014

Mostra personale di pittura Pierangelo Benetollo “Il declino delle Illusioni”





Mostra personale di pittura
Pierangelo Benetollo
 “Il declino delle Illusioni”
Opere recenti


Ponte di Legno
Sala ex Casa di Riposo
Corso Milano 35
Dall’ 1 al  17 Agosto 2014
         Orario unico di apertura:
       Tutti i giorni dalle ore 17.00 alle ore 22.00
Con il patrocinio del Comune di Ponte di Legno





Pierangelo Benetollo esporrà le sue opere recenti nella mostra che si svolgerà a Ponte di Legno, presso i locali della ex Casa di Riposo, in Corso Milano 35, dall’ 1 al 17 agosto 2014

La mostra, dal titolo “Il declino delle illusioni” raccoglie le opere più recenti del pittore camuno, che focalizzano la volontà dell’occhio a cogliere più  scorci di una quotidianità visibile a tutti, perlopiù banalizzata, ma anche e proprio per questo più nascosta e misteriosa, dove per ogni  attimo che viene colto lo stesso inizia già a dissolvere, per lasciar posto ad altri,  in infinite variabili di direzioni e significati. 

La mostra sarà aperta tutti giorni con orario unico, dalle ore 17.00 alle ore 22.00.


Pierangelo Benetollo è nato a Sonico il 23 Luglio 1964. Diplomato al Liceo Artistico di  Lovere  nel 1982, ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano, sotto la guida di Saverio Terruso, Miklos Varga, Raffaele De Grada e Francesco Poli, e vi si è diplomato in Pittura nel 1987.

Giovanissimo, nel 1982, espone per la prima volta i suoi lavori in una mostra nel paese natale. La sua formazione è avvenuta con i preziosi insegnamenti del maestro Bruno Casalini, che l’ha guidato nello studio delle tecniche e delle tematiche realistiche e metafisiche che da sempre caratterizzano la sua ricerca. Seguono negli anni numerose partecipazioni a mostre collettive e concorsi nazionali dove ottiene premi e riconoscimenti, fra i quali la realizzazione, quale vincitore del concorso di idee, del drappo del “Palio della Balestra” fra le città di Gubbio e Sansepolcro (Settembre 2004), e il primo Premio al concorso “Breno si affresca e si decora” (Dicembre 2004).

Altrettanto numerose sono, inoltre, le mostre personali al suo attivo. Ha partecipato a trasmissioni e dibattiti televisivi e radiofonici in varie parti d’Italia, e la sua opera è stata oggetto d’interesse per lo svolgimento di tesi accademiche. Nel mese di settembre 2008, presso le sale di Palazzo Martinengo a Brescia, ha esposto nella mostra “Oglio, acqua che scorre”, di cui è stato fra gli ispiratori, organizzata dalla Provincia. Il suo profilo appare nel volume “Annuario dei personaggi della Vallecamonica”, di Mauro  Fiora  e  Giannino Botticchio (2007).

Negli anni 2007, 2010 e 2011 una sua opera è stata pubblicata su “Arte Mondadori” come finalista dell’omonimo annuale premio di pittura. Nell’ottobre 2012 un’altra opera è stata invece finalista al premio “Carlo Dalla Zorza”, fondato e organizzato dalla Galleria Ponte Rosso di Milano. Dell’ottobre 2013 è  la sua mostra personale più recente, a Breno, presso la chiesa di Sant’Antonio, intitolata “L’erba ignara”.

Della sua attività si sono occupati innumerevoli giornalisti e critici d’arte.

Sue opere sono presenti in numerose collezioni private.  La sua attività è pubblicata sul sito internet www.benetollopier.it

Vive e lavora a Sonico.


Per contatti e informazioni:
Cell. 3355462925
Sito Internet : www.benetollopier.it

Urbania da gusto termina con grandi eventi dedicati all'udito

In occasione dell'ultima serata show in piazza con la band Ridillo, premiazione degli studenti e estrazione del primo premio della Lotteria da Gusto.

 

Udite, udite! Torna giovedì 31 l'ultimo appuntamento con Urbania da Gusto 2014. La kermesse, che ha accompagnato tutti i giovedì di Luglio, volge al termine dedicando la sua ultima serata all'Udito, in omaggio ai 5 sensi che hanno accompagnato come tema l'estate durantina.

            Per il gran finale scende in campo il Comune di Urbania che in piazza alle ore 21 premierà gli studenti che hanno superato l'esame di maturità con 100/100 e l'esame della scuola primaria di secondo grado con voto di media 10. Assieme agli studenti che si sono distinti per gli ottimi voti la Giunta durantina premierà anche quei ragazzi che si sono distinti per impegno o in progetti e competizioni scolastiche.

            Per il gran finale il gruppo esercenti durantino di Urbania da Gusto ha predisposto grandi effetti scenici: saranno infatti due gli spettacoli che animeranno la prima parte della serata. Alle 21 in Piazza delle Erbe ci sarà l'esibizione di danze orientali ad opera della ballerina Natalia, mentre alle 21 e 30 nella Piazza del Comune seguirà uno spettacolo di danza acrobatica.

            Alle ore 22,15 si passa al gran finale: in Piazza San Cristoforo si esibirà la band dei Ridillo, reduci da lunghe tourneè con Gianni Morandi e ora pronti a infiammare il pubblico durantino. <Un cocktail di funky, soul, jazz, afro-brazil -così si presenta la band-il risultato è un pop elegante e pieno di energia che non può lasciare indifferenti>.

            A fine serata avverrà l'estrazione del biglietto vincente della  "Lotteria da Gusto" con in palio un buono di 400 Euro da poter spendere presso l'Agenzia Durantina Viaggi di Urbania e altri ricchi premi.

            Come in ogni giovedì negozi aperti fino a tardi, aperitivi e cene a tema, laboratori e animazione per bambini, punti musica e artigianato locale in mostra.

 

martedì 29 luglio 2014

Mostra monografica della pittrice Claudia Setti a Cervia

Il giorno 1 agosto 2014 sarà inaugurata presso la "Sala ArteMedia", Loggia del Mercato, in Piazza Garibaldi n. 3 a Cervia, grazie al fondamentale contributo della Associazione Culturale "Casa delle Aie", una mostra monografica della pittrice Claudia Setti, nativa di Ganaceto e che ancora oggi vive e lavora  in provincia di Modena.

Allieva di uno dei maggiori pittori e critici di arte contemporanea, il Maestro Umberto Zaccaria, Claudia Setti ne condivide l'amore per la natura. 

E' proprio questo amore che la ispira e che trasferisce sulla tela con colori morbidi e pacati grazie ai quali realizza opere di grande intensità e dolcezza, che toccano le corde più profonde di ogni animo sensibile.

L'invito è dunque, per chi abbia desiderio e curiosità di conoscere l'opera di Claudia Setti, a non perdere l'occasione di visitare la mostra dedicata a questa artista in rapida e continua crescita, dalla personalità eclettica (scrive bellissime poesie e canta in un coro) e che oltre a riscuotere un crescente consenso nell'ambiente artistico, ha già ottenuto numerosi riconoscimenti partecipando ad alcune delle più importanti ed accreditate rassegne sia a livello locale che nazionale (Martin Sicuro negli anni 2011 e 2013, la Biennale nazionale di Soliera (MO), Fontanelle (PR), Fighille (PG), Colonnella (TE), Serra Mazzoni e Riolunato (MO)..

La più grande collezione di sax a Lecce

"GUSTO E TERRITORIO NEL GAL TERRA D'OTRANTO":
L'ITINERARIO ENOGASTRONOMICO DEL GAL PASSA DAL MERCATINO DEL GUSTO DI MAGLIE

E' il Mercatino del Gusto di Maglie la seconda tappa dell'itinerario enogastronomico GUSTO E TERRITORIO NEL GAL TERRA D'OTRANTO. Si comincerà venerdì 1 agosto alle ore 20.00 - a Maglie nell'Atrio del Liceo Capece - con un convegno di presentazione che proseguirà con uno showcooking e un palinsesto espositivo che si protrarrà per tutti i cinque giorni della manifestazione ospitante.
E' questa la prestigiosa cornice all'interno della quale si colloca il programma integrato di sviluppo del GAL Terra d'Otranto che, assieme all'Associazione Mercatino del Gusto, sta operando per lo sviluppo della XV edizione del Mercatino.
Il Convegno sarà moderato da Antonio Stornaiolo e vedrà la partecipazione di autorità regionali e locali, oltre che di esperti del turismo e della gastronomia. Spetterà a Michele Bruno (ideatore del Mercatino del Gusto), a Giacomo Mojoli (Giornalista e consulente di innovazione e sviluppo sostenibile) e a Francesco Pacella (Assessore al Turismo e Marketing territoriale della Provincia di Lecce) illustrare le opportunità di sviluppo dell'iniziativa e la sua collocazione in un itinerario interterritoriale.
"L'itinerario" – commenta Francesco Ferraro, Direttore del GAL Terra d'Otranto, "è un percorso articolato e finalizzato al potenziamento di alcuni eventi territoriali già consolidati, mediante un programma complesso e strutturato di accoglienza e di marketing, capace di creare nel contempo un sistema di valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale".
"Il percorso tematico GUSTO E TERRITORIO NEL GAL TERRA D'OTRANTO" – conclude Gabriele Petracca, Presidente del GAL Terra d'Otranto – "ha già interessato Le Tavole di San Giuseppe (a Marzo) e si completerà con la Fiera Regionale di San Vito di Ortelle (a Ottobre). Il GAL, dunque, propulsore dello sviluppo territoriale e strumento capace di armonizzare la programmazione regionale su una dimensione locale, potenziando la competitività del territorio con strategie condivise, indispensabili per innescare meccanismi virtuosi di crescita".
L'itinerario enogastronomico GUSTO E TERRITORIO NEL GAL TERRA D'OTRANTO è finanziato nell'ambito del PSR Puglia 2007-2013, Misura 313 Azione 1.

lunedì 28 luglio 2014

"I GIARDINI DEL VOLTURNO", III edizione della Mostra Mercato di fiori,piante e tutto quanto fa giardino - 18 e 19 ottobre 2014



SAN BARTOLOMEO CASA IN CAMPAGNA

 "I GIARDINI DEL VOLTURNO"
III edizione della Mostra Mercato di fiori, piante e tutto quanto fa giardino.

18 e 19 ottobre 2014

Sabato 18 e Domenica 19 ottobre, il Parco di San Bartolomeo nella vallata di Cesarano a pochi chilometri dall'antica Caiazzo, in provincia di Caserta, ospita la terza edizione di Giardini del Volturno la mostra mercato di piante e fiori curata da Loreto Marziale. Dopo il successo dell'edizione primaverile – svoltasi il 5 e 6 aprile -, la due giorni di ottobre è dedicata ai colori e alle essenze dell'autunno. Il parco di San Bartolomeo – Casa in Campagna, tra i parchi più belli della Campania, dal 2007 inserito nella lista dei Grandi Giardini Italiani, ospiterà vivaisti ed espositori provenienti da tutta Italia: ci saranno in mostra e in vendita agrumi in vaso, rose antiche, orchidee, succulente e cactacee, varietà esotiche ed essenze aromatiche del Mediterraneo, ma anche piccolo artigianato di qualità, flower designer. Giunta alla sua terza edizione, la mostra mercato Giardini del Volturno nasce con lo scopo di diffondere la cultura del verde e l'amore per le piante tra grandi e piccini: nei due giorni dell'evento ci saranno laboratori creativi, mostre e visite guidate al Parco che è anche un'oasi naturalistica popolata da piante rare e fauna protetta. Arricchiscono l'esposizione vasi e terrecotte artistiche, arte topiaria, attrezzi da giardino, prodotti biologici e cosmesi naturale e tutto quanto riconduca al concetto di verde e natura. Scenario unico della mostra mercato sono i viali e i prati della tenuta San Bartolomeo Casa in Campagna, custodita con cura e passione dalla famiglia Marziale.
L'ingresso alla mostra mercato è libero. Gli orari sono: dalle 09.00 alle 18.00. Possibilità di pranzare nel Parco su prenotazione al costo di 30 euro per gli adulti, 20 euro per i bambini.
Il parco di San Bartolomeo si estende per 40 mila metri quadri in un succedersi di viali e giardini popolati da specie arboree esotiche e mediterranee. Il lungo viale, delimitato nella prima parte da Phoenix canariensis, Washingtona robusta e Brahea armata e nella seconda parte da Ulivi, Gleditsia, Gelsi, Liriodendrom e Aceri campestri, accoglie il visitatore conducendolo verso due eleganti edifici, l'uno di fronte all'altro e in posizione panoramica, visibili da molti punti della vallata del Volturno tra il verde intenso della macchia mediterranea. Il visitatore può ammirare un'ampia varietà di Palme (Butia capitata, Trachycarpus fortunei, Chamaerops humilis), Yucche, Phormium e la fioritura estiva delle Lantane montevidentis e della Calliandra tweedii; ed ancora una folta vegetazione di Fico d'India e Echium candicans, arricchita da Eucalipti, Oleandri e Ligustri impiantati negli anni Trenta del Novecento. Custodi della Tenuta sono le Querce e poste alla fine del viale di ingresso, stanno quasi a salutare il visitatore testimoniando la secolare storia del luogo. All'interno del Parco c'è una piccola oasi naturalistica con piante rare e una fauna protetta, dove abitano animali esotici come cicogna, marabù, pellicani e fenicotteri. Infine, una Butterfly House, una casa permanente delle farfalle, introduce i visitatori nel favoloso mondo dei lepidotteri. All'interno del parco è possibile pranzare in un elegante padiglione ristorante.
San Bartolomeo Eventi
Via Rognano Località Pantaniello di Caiazzo (CE). Tel.: +39.0823.862623 Cell. 3495223313
Contatti: info@sanbartolomeo-casaincampagna.it www.sanbartolomeoeventi.it

Mostra "LA BIGA DI MONTELEONE DI SPOLETO: STORIA E RESTAURO”: dal 13 settembre - 26 ottobre 2014 a Postignano (PG)



Mostra
 "LA BIGA DI MONTELEONE DI SPOLETO:
STORIA E RESTAURO"

Castello di Postignano
Sellano (PG)
13 settembre - 26 ottobre 2014


Sabato 13 settembre 2014, alle ore 18.30, presso il Castello di Postignano (PG), si inaugurerà la mostra "LA BIGA DI MONTELEONE DI SPOLETO: STORIA E RESTAURO".

L'esposizione è allestita grazie alla disponibilità del Metropolitan Museum of Art di New York, che ha gentilmente concesso le immagini della biga, e del Comune di Monteleone di Spoleto.

Nella Chiesa SS. Annunziata e nella Sala Mustafà del Castello di Postignano, borgo medioevale recentemente restaurato dalla Mirto srl, sarà illustrata la storia della biga dopo la sua scoperta, avvenuta nel 1902, a Monteleone di Spoleto, e lo straordinario lavoro realizzato dall'archeologa del CNR Adriana Emiliozzi, che tra il 2002 e il 2006, ha diretto lo smontaggio e il corretto rimontaggio del veicolo, di proprietà del Metropolitan.

Questa accurata impresa scientifica ha permesso di risolvere problemi di interpretazione dibattuti da tempo.

La biga, "the Golden Chariot", è uno dei pezzi più importanti del museo newyorkese.

Nel 2007, l'allora direttore del museo Philippe de Montebello, riallestì la sezione di "Archeologia greco romana", ponendola al centro del percorso espositivo.

Realizzata nel VI secolo a.C. per un notabile Sabino quale oggetto simbolico del suo potere, fu rinvenuta casualmente da un contadino in una tomba insieme ad un ricco corredo funebre.
Venduta  illegalmente dall'agricoltore per poche lire, la biga passò di mano più volte, arrivando a Parigi, eppoi a New York, dove fu acquistata dal primo direttore del Metropolitan, l'italiano  Luigi Palma di Cesnola.

La bufera mediatica che scoppiò in Italia per l'esportazione illegale dello straordinario reperto durò poco. Seguirono anni di acquiescenza, fino all'ultimo dopoguerra.

Il tardivo tentativo intrapreso dalle istituzioni italiane, supportate anche da un contenzioso internazionale condotto dall'avvocato di origine umbra, Tito Mazzetta, con studio ad Atlanta, USA, fu definitivamente archiviato dal Tribunale di Spoleto nel 2008.

La mostra sulla biga è composta da due sezioni:
"Dalla scoperta ad oggi" coordinata da Carla Termini;
"Il rimontaggio al Metropolitan" coordinata da Adriana Emiliozzi.

Saranno inoltre esposti: l'ologramma del "Golden Chariot", realizzato da Gary Enea e la copia della biga, eccezionalmente prestata dal Comune di Monteleone di Spoleto, che fu eseguita negli anni '80 dagli allievi della Scuola d'Arte di Giacomo Manzù.

La mostra si potrà visitare fino al 26 ottobre 2014, con ingresso gratuito, negli orari 10-13 e 15-19.

L'iniziativa, con il patrocinio della Regione Umbria - Provincia di Perugia - Comune di Monteleone di Spoleto - Comune di Sellano, è resa possibile grazie ai contributi economici della Camera di Commercio di Perugia - Regione Umbria - BIM Consorzio Bacino Imbrifero Montano Nera e Velino, Cascia

L'allestimento è a cura della RA Consulting srl: Gennaro Matacena, Antonio Gravagnuolo;  con la collaborazione di Pierre Gratet e Andrea Carozza.
La grafica è realizzata da Paolo Altieri.
Le foto e i grafici sono stati donati dal New York Metropolitan Museum of Art.

******
La mostra è nell'ambito della terza edizione della manifestazione "Un Castello all'orizzonte", proposte culturali estive ideate dai due architetti napoletani, Gennaro Matacena e Matteo Scaramella, che hanno acquistato e restaurato Postignano,  frazione del Comune di Sellano (PG), Umbria, che fu abbandonato negli anni '60.

Il Castello di Postignano offre un'esperienza di turismo e di vita sostenibili, fatti di sostanza e di emozioni: sessanta case perfettamente restaurate nel rispetto dell'impianto medievale delle architetture, ma caratterizzate da tutte le risorse di una vivibilità moderna - un albergo "diffuso" - un ristorante/trattoria dove, la cucina semplice, l'attenzione alle tradizioni e alla qualità delle materie prime sono la sua filosofia - una sala conferenze - un centro servizi - l'antica chiesa, oggi luogo di eventi culturali, artistici e di intrattenimento. Qui i restauri hanno svelato affreschi di antica bellezza, tra i quali una Crocifissione del XV secolo apparsa dietro una parete crollata – una biblioteca – alcune botteghe artigiane.

Entro il 2015, sarà ultimato anche il centro benessere.

Alla fine degli anni '60, l'architetto americano Norman F. Carver definì il Castello di Postignano come l'archetipo dei borghi collinari italiani, tanto da riprodurre le imponenti case-torri del borgo, aggettanti l'una sull'altra, nella copertina del suo libro fotografico "Italian Hilltowns".


Informazioni al pubblico:
Tel.  0743 788005  - info@castellodipostignano.it



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 25 luglio 2014

Mostra Fudong arte contemporanea domani inaugurazione a Lecce


IL SALENTO SI APRE A MONDI ARTISTICI NUOVI
CON “ALTROVE: YANG FUDONG”:

PRESENTATA LA MOSTRA CHE SI APRE DOMANI A GAGLIANO DEL CAPO,

PROMOSSA DA PROVINCIA E CAPO D’ARTE

Da domani, sabato 26 luglio al 4 settembre si rinnova l’appuntamento con l’arte contemporanea  d’eccellenza proposto da Capo d’Arte e dalla Provincia di Lecce. Quest’anno Gagliano del Capo apre i suoi luoghi storici alle opere dell’artista cinese celebrato in tutto mondo Yang Fudong.

La prestigiosa mostra “Altrove: Yang Fudong” è stata presentata questa mattina a Palazzo Adorno dalla vicepresidente della Provincia di Lecce e assessore alla Cultura Simona Manca, dal presidente di Capo d’Arte Francesco Petrucci e dai curatori della mostra Davide Quadrio e Massimo Torrigiani. Presenti anche Francesca Bonomo di Capo d’Arte e il presidente di Ascla e del Consorzio Beni Culturali Italia Giuseppe Negro

La mostra prevede l’esibizione di una serie di video che testimoniano il corpo centrale dell’opera di Yang Fudong, insieme ad un’installazione sonora nella piazza principale del paese. Sarà visitabile in alcuni luoghi storici di Gagliano del Capo: dall’edificio patrizio Palazzo Comi (sede della Fondazione Via Vai) ad alcune abitazioni riaperte per l’iniziativa.

Accessibile al pubblico tutti i giorni, dalle 19 alle 23, con ingresso libero (via XXIV Maggio-Via Bisanti), l’allestimento  rappresenta un’occasione unica per conoscere le opere di Yang Fudong, un artista celebrato globalmente, ma ancora poco conosciuto in Italia. Autore di video, pittore e innovatore, la sua influenza si estende anche al cinema e alla fotografia. Fudong ha contribuito con opere e mostre importanti a portare la nuova creatività cinese al centro della scena mondiale.

Nel suo lavoro di estremo rigore estetico e tecnico, passato e presente si fondono in un immaginario onirico, tra il favoloso e il grottesco, che prende le mosse, tra una miriade di influenze e rimandi, anche dalla cultura modernista di Shanghai. Città di porto e di frontiera, crocevia di culture dove negli anni 20 del ’900 ha preso vita la prima forma di modernismo cinese. Una cultura sommersa per decenni, che adesso riaffiora in modi e forme trasfigurate. 

“Si rinnova l’appuntamento consueto e bellissimo con Capo d’Arte, associazione con la quale collaboriamo da sempre”, ha esordito la vice presidente e assessore alla Cultura Simona Manca, plaudendo alla “scelta di quest’anno di esplorare e offrire al pubblico salentino e ai turisti uno sguardo sull’arte cinese contemporanea con un artista del calibro di Fudong”.

Capo d’Arte è un’associazione culturale senza fine di lucro che promuove l’arte contemporanea nel Salento. Ne fanno parte Francesca Bonomo e Francesco Petrucci. Sin dal 2010, Gagliano del Capo ha ospitato una mostra di arte contemporanea con opere di più di 20 artisti di fama internazionale, tra cui Francesco Arena, Kader Attia, Rossella Biscotti, Latifa Ekchach, Adrian Paci, Michelangelo Pistoletto e Sislej Xhafa. Quest’anno, Capo d’Arte  ha avviato un progetto ambizioso e con il nuovo direttore artistico Massimo Torrigiani si propone di esplorare  l’arte di altri continenti, di conoscere nuove culture, superando i confini del Mediterraneo. Si inizia quest’estate con l’arte contemporanea cinese, rappresentata proprio dalle opere di Yang Fudong.

Lecce, 25 luglio 2014



Mostra #PITTURA Luca de Angelis, Lorenzo Di Lucido Lorenzo Morri, Barbara Prenka , Davide Serpetti, Adriano Valeri, Simone Zaccagnini



logo-giuseppe-pero.png

 
Cartolina evento 07-2014 ok 2-1.jpg

 
 
OPENING 18 SETTEMBRE ore 18,00
 
 
Dal 19 SETTEMBRE al 15 NOVEMBRE 2014
da martedì a sabato dalle 14.00 alle 19.00



La galleria Giuseppe Pero è lieta di annunciare la mostra

#PITTURA
Luca de Angelis, Lorenzo Di Lucido Lorenzo Morri,
Barbara Prenka , Davide Serpetti, Adriano Valeri, Simone Zaccagnini

La galleria Giuseppe Pero è particolarmente lieta di aprire la nuova stagione espositiva con una mostra collettiva dedicata a giovani artisti italiani, tutti pittori.
Anche se inusuale, quello di settembre è  infatti uno spazio che tradizionalmente è dedicato alla personale dell'artista di punta della una galleria, la scelta di affidarlo a sette giovani pittori è stata facilitata dalla straordinaria qualità e maturità delle opere proposte. Si intende in questo modo riportare l'attenzione e restituire un posto primaria importanza ad una pratica artistica, la pittura, in cui gli  italiani sono stati per lungo tempo maestri incontrastati ma poco frequentata di recente.
Arte italiana e pittura per secoli hanno rappresentato un binomio inscindibile e nessuno dei più importanti musei mondiali ha potuto prescindere dal possedere una collezione di pittura italiana. Le mutate condizioni sociali e l'avvento dei nuovi media hanno contribuito a mutare radicalmente il modo di fare e di pensare l'opera d'arte. La pittura appare come una tecnica inadeguata a descrivere appieno le dinamiche del mondo contemporaneo e quindi viene progressivamente accantonata. Lungi dallo scomparire essa di tanto in tanto riemerge, pur con esiti diversi.
Si sta, infatti, formando in Italia un nuovo gruppo di artisti che ha ripreso parlare vivacemente di pittura, grazie anche a varie iniziative culturali promosse da docenti e curatori che vanno moltiplicandosi sul territorio nazionale: uno degli ultimi esempi è Painting Practices la prima residenza per la pratica pittorica curata da Andrea Bruciati a Nogaredo.
Quelli che presentiamo sono, a nostro avviso, sette giovani pittori tra i più promettenti provenienti da diversi centri formativi d'Italia: Barbara Prenka (neo-vincitrice del Premio Combat per la pittura) Adriano Valeri.Luca de Angelis, Lorenzo Di Lucido, Davide Serpetti, Lorenzo Morri, Simone Zaccagnini.
I soggetti dei lavori presentati sono quelli della tradizione classica: si passa dai ritratti ai paesaggi fino all'astrattismo. Quello che cambia è, ovviamente, il diverso approccio di chi li ha dipinti. Lo sguardo indagatore e quello di ragazzi di vent'anni che guardano i loro coetanei, lo spazio urbano in cui si muovono dove è possibile incontrare piante preistoriche, presenze incongrue in tanti giardini cittadini, che crescono accanto motori di condizionatori industriali. C'è chi trae ispirazione da immagini fotografiche e chi, più tradizionalmente, chiede ad amici o sconosciuti di posare per un paio d'ore dal vivo sul divano del proprio studio; chi, ancora, esprime la propria ricerca estetica nella ripetizione meditata del medesimo gesto pittorico sulla tela. Nuovi colori compaiono sulla tavolozza: campeggiano con prepotenza l'arancione fluo delle reti da cantiere e il blu  elettrico dei bidoni di plastica per la raccolta delle acque, a rappresentare un'urgenza ecologica inedita fino a qualche decennio fa.



#PITTURA
Luca de Angelis, Lorenzo Di Lucido Lorenzo Morri,
Barbara Prenka , Davide Serpetti, Adriano Valeri, Simone Zaccagnini
OPENING 18 SETTEMBRE ore 18,00
Dal 19 SETTEMBRE al 15 NOVEMBRE 2014
da martedì a sabato H.14-19
Sabato su appuntamento

-----

logo-giuseppe-pero-piccolo.png 

© Galleria Giuseppe Pero - Via Porro Lambertenghi 3 - 20159 Milano - Italia - info@giuseppepero.it


mercoledì 23 luglio 2014

Mostra: "Narrazione a colori" di Elena Adriana Valcea il 25 luglio a Lecce



"Le Ali di Pandora"

presentano la mostra
Narrazione a colori
di Elena Adriana Valcea

vernissage venerdì 25 luglio 2014 ore 20,30

V.le Giovanni Paolo II Ang. Via Pistoia (Centro Polifunzionale Kolbe)- Lecce – Italy


Categoria
Arte contemporanea
Titolo Evento:
"2 International Exhibitions"
Tipologia Evento:
Collettiva d'arte contemporanea
Luogo:
c/o  Le Ali di Pandora
Indirizzo Completo
V.le Giovanni Paolo II Ang. Via Pistoia (Centro Polifunzionale Kolbe)- Lecce - Italy
Città:
Lecce  - Italy -73100
Autore/Artista
Nina Inkari FINLANDIA, Marcel Corober RUSSIA, Ana Asavei Pietraru ROMANIA, Olga Fomina RUSSIA, Costica Onuta ROMANIA, Cristina Chetari MOLDAVIA, Donatello Pisanello ITALIA, Valentina Bancoveanu MOLDAVIA, Mario Calcagnile ITALIA, Roman Kharevsky REP. CECA, Stefania Rizzo ITALIA , Anna Ravliuc UCRAINA , Fabiana Luceri ITALIA, Donato Giannuzzi ITALIA, Tamar Minashvili UCRAINA, Michele di Leo ITALIA, Dimitar Velichkov BULGARIA
Data Inizio:
13/06/14
Data Fine:
18/06/14
Ingresso:
Libero
Vernissage:
Venerdì 13 giugno ore 20,30
Contatti
Tel. 0832391862
Cell. 3395607242/3470851926/3483546063
Organizzazione-
"Le ali di Pandora" , "Terre Bruciate", "Il Cenacolo della tradizione"
Recapiti Mail:
Sito Web


qui evento fb
Curatori
Mario Calcagnile
sponsor
Valerio Bianco, di Bianco Cave e Attilio Caputo, di Caroli Hotels,
Testo comunicato con preghiera di diffusione

 "Le Ali di Pandora"

presentano la mostra
Narrazione a colori
di Elena Adriana Valcea

vernissage venerdì 25 luglio 2014 ore 20,30

V.le Giovanni Paolo II Ang. Via Pistoia (Centro Polifunzionale Kolbe)- Lecce – Italy



Venerdì 25 luglio si inaugura a Lecce la mostra "Narrazione a colori" di Elena Adriana Valcea  curata da Mario Calcagnile presso la sede di Le Ali di Pandora in V.le Giovanni Paolo II Ang. Via Pistoia (Centro Polifunzionale Kolbe).

Scrive Mario Calcagnile "La colomba, il firmamento, le acque la luce, la volta celeste, i pesci,  gli uccelli e tutte le specie animali, Adamo ed Eva, con in fine Il peccato originale…
Le opere di Elena Adriana Valcea, rappresentano una narrazione della creazione tra espressioni creative a volte astratte e a volte simboliche, (tratte dalle rappresentazioni espresse nelle iconografie bizantine), che riportano agli affreschi di alcuni antichi monasteri situati nella regione della Bucovina in Romania.
Romania, terra dalla quale l'artista proviene portando con se un bagaglio umano e culturale unito a una preparazione artistica che pur risentendo di influssi internazionali, conserva l'essenza di una cultura peculiare del suo paese.
Elena Adriana Valcea è docente di arte e grafica, presso l'istituto per gli studi d'arte, in Slatina, ha precedentemente studiato presso la prestigiosa Accademia di Belle Arti di Timisoara in Romania, e nella sua attività artistica si occupa tra l'altro di art Workshop e happening artistici.
Abbiamo già visto l'artista coinvolta nel Salento con una partecipazione al simposio internazionale di pittura che si è tenuto a Gallipoli nel 2013. Le opere presenti in questa mostra fanno parte di una produzione che l'artista ha realizzato in una sua permanenza in Puglia, e non si mancherà di notare come, oltre a simboli che fanno parte della sua cultura bizantina e ortodossa, ella abbia saputo inoltre incastonare e coniugare al contempo e con sapienza dei simboli antichissimi rappresentati sui nostri trulli di Alberobello che lei ha saputo cogliere e trarre viaggiando nel sud della nostra Italia.
Apprezzabile questa volontà di intendere il suo fare artistico nel desiderio di esprimersi sapendo mantenere unite visioni e simboli dalle differenti radici culturali."
Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI