Cerca nel blog

venerdì 20 dicembre 2013

Mostra dedicata ad Antonio Matera, maestro della cartapesta











 

Associazione Culturale

ALTOBELLO PERSIO

Matera

 

 

Mostra dedicata ad Antonio Matera, maestro della cartapesta

 

  

Quarta edizione della mostra di "Presepi e Arte sacra", dedicata all'artista materano

 

 Data del comunicato stampa

Venerdì, 20 dicembre 2013

 

L'Associazione Culturale "Altobello Persio" inaugura la quarta edizione della mostra "Presepi e Arte sacra"dedicata all'artista materano Antonio Matera. L'inaugurazione si terrà sabato 21 dicembre, con inizio alle ore 19.30, nella storica Chiesa materana di San Rocco, meglio nota ai residenti con il nome di Sant'Anna, in via San Biagio; farà seguito un concerto diretto dal Maestro Giuseppe Ciaramella e curato dalla Polifonica Rosa Ponselle. L'evento si concluderà lunedì 6 gennaio 2014.

 

Il ricordo del Maestro Matera è vivo nel racconto delle sue figlie: nato nel 1916 da una famiglia cattolica di umili origini, ben presto dovette abbandonare gli studi per far fronte alla precaria situazione economica. Uno dei suoi primi lavori lo avvicinò al Maestro Francesco Paolo Pentasuglia, noto per la realizzazione di diversi carri trionfali della Madonna della Bruna. In questa occasione, si distinse per le sue doti artistiche soprattutto nel lavorare la cartapesta, purtroppo dovette abbandonare anzitempo la professione perché fu chiamato alle armi per dare un contributo alla Patria durante la Seconda Guerra Mondiale. Ritornato a Matera, si sposò e riprese la sua attività artistica che lo portò a collaborare con numerosi artisti materani. Partecipò a numerose mostre  di pittura, e collaborò con il Circolo "La Scaletta" grazie al quale ebbe modo di conoscere il pittore spagnolo José Ortega. Costituì la Cooperativa Aurora per poter trasmettere i suoi insegnamenti ai giovani artisti, e con la stessa realizzò un Carro Trionfale della Bruna. Si distinse anche nella preparazione di numerosi carri allegorici, che sfilarono in occasione del Carnevale di Putignano. Insegnò l'arte della cartapesta ai giovani artisti della Basilicata. Morì a Matera il 16 gennaio 1994.

 

Le sue opere più rappresentative sono ubicate nelle chiese della Palomba,  di San Rocco, di San Giacomo e di Picciano, presso l'Associazione Materana di Mutuo Soccorso, e la Curia Arcivescovile.

 

Per informazioni:
 

Associazione Culturale "Altobello Persio"

Via Racioppi, 2

75100 Matera

Presidente Luigi Annunziata

Tel. 320 0205446


____________________________________________________________

  



Modica (RG) - “Ciclo”, una mostra fotografica e pittorica di Martha Iacono nello Studio Nadar



Agli organi di informazione

Modica (RG), 20/12/2013

"Ciclo", una mostra fotografica e pittorica di Martha Iacono nello Studio Nadar

Domenica 29 dicembre alle ore 19.00 nello spazio espositivo dello Studio fotografico Nadar (Corso Vittorio Emanuele 342, Modica Alta) sarà inaugurata la mostra fotografica e pittorica "Ciclo" di Martha Iacono.

Il titolo allude, da un lato, al percorso di ricerca dell'autrice. «La mostra - spiega Martha Iacono - comprende alcune opere fotografiche e pittoriche realizzate tra il 2010 e il 2013. In questi anni la mia ricerca artistica ha insistito su due correnti del XX secolo, legate alla fotografia: l'iperrealismo e l'astrattismo. In "Ciclo" propongo un dialogo tra queste tre modalità comunicative ed espressive. Ma soprattutto "racconto" il mio viaggio attraverso l'arte, un ritorno al punto di partenza, arricchito da una nuova consapevolezza, da un bagaglio di nuove esperienze e conoscenze».

Il titolo si riferisce anche al fatto che la sede della mostra si trova nei locali che una volta ospitavano lo studio fotografico dei genitori dell'artista e che ora Martha e il fratello Leonardo, film-maker e musicista, hanno adibito a studio, laboratorio e sala espositiva.

«Lo Studio fotografico Nadar – continuano Martha e Leonardo Iacono – oltre a fornire servizi fotografici e audiovisivi, svolge un'attività di ricerca artistica volta alla produzione di cortometraggi, animazioni, pubblicazioni di racconti e fumetti e opere artistiche in genere, mettendo gli spazi espositivi a disposizione di artisti e professionisti per eventi, incontri, seminari e workshop. "Ciclo" è appunto il primo di una serie di eventi che saranno organizzati periodicamente nello Studio Nadar».

Martha Iacono, modicana, "figlia d'arte", ha studiato nelle Accademie di Bologna, Roma e Catania, conseguendo la laurea in Belle Arti. Ha appreso la tecnica della fotografia lavorando a fianco del padre e della madre nella gestione dello Studio fotografico Fift, ma la passione per la fotografia come arte le è stata trasmessa soprattutto dal fotografo Roberto Bossaglia, del quale ha seguito un corso di fotografia a Roma.

La mostra resterà aperta fino al 12 gennaio e osserverà i seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30; sabato e domenica aperta solo di pomeriggio.

 
Info e contatti
Studio Nadar
Corso Vittorio Emanuele, 342 - Modica Alta
Tel. 388 1453687
Email: photostudionadar@gmail.com  
Web: http://www.fotograforagusa.it/lo-studio.html



--
INpress ufficio stampa 
di Giovanni Criscione
p. iva. 01467520886
Via Assì 13, Modica (RG)
tel. 0932 752707
cell. 329 3167786

giovedì 19 dicembre 2013

Mostra su Brefotrofio provinciale al Monte di Pietà di Messina

Centro per lo sviluppo del turismo culturale in Sicilia, Corso Cavour 87, 98122 Messina - CF 02626000836

www. messinatourismbureau.com  - info@messinatourismbureau.com

 

"I figli della pietà", Palazzo dei Leoni racconta la storia del Brefotrofio provinciale

 

«La storia del Brefotrofio è una storia palpitante di emozioni». Così, il commissario straordinario della Provincia regionale di Messina, il dottor Filippo Romano, sulla mostra intitolata "I figli della pietà, in programma nel capoluogo peloritano, al Monte di Pietà, dalle 17,30 di domani (venerdì 20 dicembre) al prossimo 12 gennaio, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, con ingresso gratuito. In esposizione documenti, foto, libri e altre testimonianze di due secoli di storia, quella di una grande realtà sociale del Messinese, il Brefotrofio provinciale, la cui attività è cessata nel 1980. L'iniziativa, realizzata in collaborazione con l'Archivio di Stato di Messina, con il contributo del Messina Tourism Bureau, è patrocinata dalla Soprintendenza archivistica per la Sicilia.

Online, un blog sul tema – www.ifiglidellapieta.blogspot.it – predisposto dall'Ente di Palazzo dei Leoni, in cui è possibile leggere l'intervento preparato appositamente dal dottor Filippo Romano e rinvenire il percorso che ha condotto al recupero di questo importante pezzo delle radici di Messina.

Da rimarcare il ruolo del dirigente delle Politiche sociali della Provincia, l'architetto Gabriele Schifilliti: «Si tratta – testimonia – di una mostra fortemente voluta dal commissario. A motivarlo è stata la visita, all'indomani del suo insediamento, all'archivio del Brefotrofio, nei locali dell'ex Iai. Archivio che io stesso ho ricostruito. È tutto materiale che non era accessibile al pubblico. Grazie a tutto il personale delle Politiche sociali, è stato ordinato in maniera sistematica».

Un contributo rilevante è giunto dalla dottoressa Lucia Barbera, esterna all'amministrazione, titolare di un dottorato di ricerca sui brefotrofi in Sicilia e a Messina in particolare, che si è occupata della ricostruzione storica. Così come dal professore Giuseppe Corica, uno studioso che ha fornito foto di epoca fascista di proprietà del padre, ex dirigente dell'Iai.

In mostra saranno messi foto, oggi tutte digitalizzate dall'architetto Schifilliti, e documenti del XIX e XX secolo, insieme ai segni di riconoscimento – immaginette tagliate a metà, medagliette, ciocche di capelli – che, come spiega Romano, «le mamme, costrette ad abbandonare i propri figli, lasciavano agli atti dell'Istituzione nella speranza che potessero un domani favorire un improbabile ricongiungimento». Oltre alle foto del Ventennio, saranno fruibili al pubblico scatti degli anni '50 e '60 e immagini dei presidenti della Provincia dei tempi andati: Ardizzone, Astone, Campione. Reperti, questi ultimi, custoditi fino a oggi nella Biblioteca provinciale. In esposizione ancora alcuni registri del Brefotrofio provinciale appositamente selezionati dalla dottoressa Barbera e dalla dottoressa Loretta Citraro, dipendente della Provincia regionale. I più antichi risalgono al 1850.

"I figli della pietà" si preannuncia come un evento unico, capace di generare commozione per le centinaia di vite che sarà capace di raccontare, aprendo alla città un patrimonio finora poco conosciuto a causa della natura sensibile dei dati in esso contenuti. Non a caso, nelle foto relativamente più recenti i volti dei protagonisti saranno leggermente nascosti.

La mostra permetterà di ammirare alcuni dei volumi medico-scientifici del Brefotrofio dell'ex Iai, che ospitava pure un laboratorio di analisi, al momento custoditi nel Palacultura di Barcellona, e diversi reperti dell'Archivio di Stato. In vetrina, infine, alcuni scatti della cappella in cui gli orfanelli venivano battezzati, cresimati, per anni lasciata abbandonata o impiegata come deposito. Fatta ripristinare da Schifilliti, sempre grazie al lavoro degli impiegati degli uffici di via San Paolo, è oggi utilizzata per celebrare la messa per i dipendenti della Provincia.

Durante il periodo dell'esposizione, ci sarà spazio anche per un angolo enogastronomico finalizzato alla promozione dell'Enoteca provinciale di San Placido Calonerò.

 

Messina, 19 dicembre 2013

mercoledì 18 dicembre 2013

Sabato 21 dicembre 2013, ore 17 "Cremona con la macchina del tempo" Tapirulan

Sabato 21 dicembre 2013, ore 17
Santa Maria della Pietà
Piazza Giovanni XXIII, Cremona

Sabato 21 dicembre alle 17 a Santa Maria della Pietà verrà presentato
il progetto "Cremona – La macchina del tempo", curato dall'Associazione
Tapirulan realizzato grazie al bando Think Town promosso
dall'Assessorato alle Politiche Educative, Giovanili e della Famiglia
del Comune di Cremona. Questo progetto nasce da una semplice curiosità,
una curiosità probabilmente molto comune, ovvero quella di viaggiare nel
tempo. L'intento del viaggio era quello di scoprire com'era Cremona una
volta, com'erano vestiti i suoi abitanti, come si muovevano per la
città, e fare un confronto immediato con la situazione attuale. Un
viaggio fotografico condotto con alcune fotografie d'epoca e riproposte
oggi con la stessa inquadratura. A questo fine sono state fatte ricerche
di fotografie d'epoca grazie alla collaborazione dell'Archivio di Stato
di Cremona, della Biblioteca Statale e del Servizio di Pianificazione
Urbanistica del Comune di Cremona. Sono stati contattati inoltre diversi
collezionisti di immagini storiche. Le prime foto di Cremona risalgono
alla seconda metà dell'Ottocento e sono state scattate da Aurelio Betri,
capostipite di una lunga e importante schiera di fotografi che hanno
analizzato praticamente ogni angolo della città.

«In alcuni casi – molti casi – purtroppo questa operazione di "ricalco"
di antiche foto non si poteva fare, perché lo scenario urbano è
radicalmente mutato, tra edifici abbattuti o edifici costruiti proprio
dove avremmo dovuto posizionare la macchina fotografica. Ricalcare una
fotografia è un'operazione che richiede pazienza, talvolta basta un
furgone parcheggiato nel punto sbagliato che si deve tornare un'altra
volta. E richiede fiducia, perché talvolta bisogna entrare in case
private per trovare l'inquadratura corretta e spiegare ai padroni di
casa che si sta viaggiando nel tempo non è semplice. Spesso abbiamo
condotto un'impari lotta contro il moderno arredo urbano,
immancabilmente posizionato in modo inopportuno, almeno per i nostri
fini fotografici: cartelli stradali, semafori, pannelli di varia natura,
quasi sempre si mettono in mezzo ai piedi e rappresentano forse la
differenza più eclatante tra la città attuale e la città del passato che
ci appare totalmente sgombra.»

Sabato dunque verrà presentato il risultato di questo progetto e una
piccola pubblicazione con alcune foto di Cremona di una volta affiancate
dalla Cremona attuale. Tra queste foto ci sarà anche la "foto di gruppo"
scattata lo scorso ottobre all'angolo di via Solforino, una sorta di
rievocazione storica della fotografia scattata da Aurelio Betri alla
fine dell'Ottocento. Le fotografie saranno anche esposte nella sala che
già ospita la mostra "Eden – Mostra internazionale di illustratori
contemporanei". La presentazione si chiuderà con un aperitivo di Natale.


Informazioni
Associazione Culturale Tapirulan
via Platina, 21 - 26034 Piadena (CR)
www.tapirulan.it
e-mail: info@tapirulan.it
tel: 347.6881328 / 328.8518849

Mostra L'Immagine Terrestre-Annamaria Gelmi e Anneliese Pichler-Centro Arte Contemporanea Cavalese-26/12-20/4


 

L'IMMAGINE TERRESTRE

 

26 Dicembre - 20 Aprile 2014

Centro Arte Contemporanea Cavalese, Palazzo Firmian

Piazzetta Rizzoli, 1 – Cavalese (TN)

 

 

Inaugura Giovedì 26 Dicembre presso Palazzo Firmian, splendida e storica sede del Centro Arte Contemporanea Cavalese, l'esposizione di Annamaria Gelmi e Anneliese Pichler, protagoniste trentine dell'arte contemporanea. L'esposizione, promossa dal Centro Arte Contemporanea Cavalese, con il Patrocinio del Comune di Cavalese ed il sostegno della Regione Autonoma Trentino Alto Adige, Provincia Autonoma di Trento, Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto e la Comunità Territoriale della Val di Fiemme, chiude e fa da corollario all'annuale rassegna organizzata dal Centro d'Arte Contemporanea quest'anno dedicata a "L'immagine terrestre" iniziata con la precedente esposizione che ha presentato i due artisti Gotthard Bonell e Lois Anvidalfarei. Una rassegna dedicata al racconto della grandiosa avventura terrena dell'uomo che la produzione artistica può evocare, declinato dalla sensibilità di diversi artisti e dal loro particolare linguaggio espressivo.

 

La mostra, a cura di Elio Vanzo, esplora le immagini "del terrestre", quindi del profondo, tramite gli sguardi femminili di due artiste, l'una con il linguaggio della scultura, l'altra con quello della pittura. Un contatto privilegiato il loro, in quanto  donne e in quanto artiste, con l'intuitivo e profondo universo tellurico, nel quale l'impronta della presenza umana si fa più interiorizzata e rarefatta, connaturata quasi all'uso che le artiste fanno delle materie "terrestri".

 

Per la scultura di Annamaria Gelmi verranno presentate al pubblico oltre venti opere di grandi dimensioni, due delle quali, Giardino e Passaggio, verranno collocate per tutta la durata della mostra nel contesto urbano di Cavalese come richiamo all'evento sostanziale che si svolgerà all'interno delle sale museali.

Per la parte pittorica Anneliese Pichler presenterà circa trenta tele a tecnica mista di grande formato.

 

Annamaria Gelmi, scultrice formatasi all'Accademia di Brera e all' Accademia di Venezia, ha esposto al MART – Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto e alla Biennale di Venezia, a New York e in Nepal oltre che in occasione dell'inaugurazione del MUSE – Museo delle Scienze di Trento. Tra i critici che hanno scritto di lei si annoverano Gabriella Belli e Danilo Eccher. E' un'artista che lavora principalmente con il peso e la geometria dei metalli, con lastre di ferro e profilati di acciaio, modificandone i connotati tecnologici in una tensione verso la leggerezza che racchiude tuttavia l'origine squisitamente terrestre del manufatto e della materia. Il suo progetto per questa mostra è lucido, armonico e apparentemente privo di tormento creativo. Alla base del suo lavoro troviamo forme precise, nette e quasi assolute che assumono un aspetto fortemente simbolico: Tulipani, labirinti, torri, croci, sedie con connotati maschile/femminile, percorsi, forme ieratiche ed evocative che senza accenti drammatici si addentrano sottilmente nella

questione umana.

 

Anneliese Pichler, pittrice con formazione artistica a Milano ed in Austria, vive tra Nassereith (Austria) e Cavalese, dove sta trasformando in atelier e casa d'Arte per esposizioni permanenti la casa paterna. Espone in Germania e ad Innsbruck e nel 2013 riceve una segnalazione per il premio Icona all'ArtVerona Fiera d'Arte. L'artista padroneggia un linguaggio sospeso tra astrazione e figurazione con una tavolozza molto ricca ma sommessa e quasi priva di acuti. La sua rassegna è ricca di misteriose ma intuitive associazioni sul senso di appartenenza delle cose e degli istinti ad un mondo sotterraneo e primordiale. Quella di Anneliese Pichler è una pittura che quando sembra gestuale e simile ad un istintivo flusso di coscienza nasconde invece sicurezza ed equilibrio, i suoi soggetti sono figure, paesaggi o nature morte, pensieri che paiono manifestarsi sbrigliarsi l'uno dall'altro, ma che rivelano l'interiorità e la ricchezza di una profondità riportata alla luce.

 

Tendenza all'assoluto nel taglio delle forme geometriche e nella consistenza dei metalli nella scultrice e un confondersi di forme e colori che finisce per affermare un'indeterminata certezza, progettualità e flusso di coscienza, poetiche quasi antitetiche che confluiscono però nella manifestazione dell'amore per la propria materia che per entrambe narra la grandiosa avventura terrena dell'uomo.

 

Il catalogo della mostra, edito dal Centro d'Arte Contemporanea Cavalese, illustrerà l'opera degli artisti esposti e riporterà l'intervento critico di Elio Vanzo "Gelmi/Pichler: Il Progetto di Gea".

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

Sede espositiva

Palazzo Firmian - Sale del Museo, spazi antistanti il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

 

Data inaugurazione/presentazione 26 dicembre 2013, ore 17.30

 

Periodo di apertura al pubblico

dal 27 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 e dal 12 al 20 aprile 2014 tutti i giorni tranne il lunedì, il restante periodo aperto il sabato e la domenica  

 

Orario di apertura 15.30 – 19.30

 

Ingresso biglietto 2 euro

 

Informazioni per il pubblico

Tel. 0462. 235416

e-mail: info@artecavalese.it

Sito: www.artecavalese.it

 

 


L'Immagine Terrestre-Annamaria Gelmi/Anneliese Pichler


L'IMMAGINE TERRESTRE

 

26 Dicembre - 20 Aprile 2014

Centro Arte Contemporanea Cavalese, Palazzo Firmian

Piazzetta Rizzoli, 1 – Cavalese (TN)

 

 

Sul sito www.culturaliart.com immagini in alta risoluzione e cartella stampa

 

Comunicato Stampa

 

Inaugura Giovedì 26 Dicembre presso Palazzo Firmian, splendida e storica sede del Centro Arte Contemporanea Cavalese, l'esposizione di Annamaria Gelmi e Anneliese Pichler, protagoniste trentine dell'arte contemporanea. L'esposizione, promossa dal Centro Arte Contemporanea Cavalese, con il Patrocinio del Comune di Cavalese ed il sostegno della Regione Autonoma Trentino Alto Adige, Provincia Autonoma di Trento, Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto e la Comunità Territoriale della Val di Fiemme, chiude e fa da corollario all'annuale rassegna organizzata dal Centro d'Arte Contemporanea quest'anno dedicata a "L'immagine terrestre" iniziata con la precedente esposizione che ha presentato i due artisti Gotthard Bonell e Lois Anvidalfarei. Una rassegna dedicata al racconto della grandiosa avventura terrena dell'uomo che la produzione artistica può evocare, declinato dalla sensibilità di diversi artisti e  dal loro particolare linguaggio espressivo.

 

La mostra, a cura di Elio Vanzo, esplora le immagini "del terrestre", quindi del profondo, tramite gli sguardi femminili di due artiste, l'una con il linguaggio della scultura, l'altra con quello della pittura. Un contatto privilegiato il loro, in quanto  donne e in quanto artiste, con l'intuitivo e profondo universo tellurico, nel quale l'impronta della presenza umana si fa più interiorizzata e rarefatta, connaturata quasi all'uso che le artiste fanno delle materie "terrestri".

 

Per la scultura di Annamaria Gelmi verranno presentate al pubblico oltre venti opere di grandi dimensioni, due delle quali, Giardino e Passaggio, verranno collocate per tutta la durata della mostra nel contesto urbano di Cavalese come richiamo all'evento sostanziale che si svolgerà all'interno delle sale museali.

Per la parte pittorica Anneliese Pichler presenterà circa trenta tele a tecnica mista di grande formato.

 

Annamaria Gelmi, scultrice formatasi all'Accademia di Brera e all' Accademia di Venezia, ha esposto al MART – Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto e alla Biennale di Venezia, a New York e in Nepal oltre che in occasione dell'inaugurazione del MUSE – Museo delle Scienze di Trento. Tra i critici che hanno scritto di lei si annoverano Gabriella Belli e Danilo Eccher. E' un'artista che lavora principalmente con il peso e la geometria dei metalli, con lastre di ferro e profilati di acciaio, modificandone i connotati tecnologici in una tensione verso la leggerezza che racchiude tuttavia l'origine squisitamente terrestre del manufatto e della materia. Il suo progetto per questa mostra è lucido, armonico e apparentemente privo di tormento creativo. Alla base del suo lavoro troviamo forme precise, nette e quasi assolute che assumono un aspetto fortemente simbolico: Tulipani, labirinti, torri, croci, sedie con connotati maschile/femminile, percorsi, forme ieratiche ed evocative che senza accenti drammatici si addentrano sottilmente nella

questione umana.

 

Anneliese Pichler, pittrice con formazione artistica a Milano ed in Austria, vive tra Nassereith (Austria) e Cavalese, dove sta trasformando in atelier e casa d'Arte per esposizioni permanenti la casa paterna. Espone in Germania e ad Innsbruck e nel 2013 riceve una segnalazione per il premio Icona all'ArtVerona Fiera d'Arte. L'artista padroneggia un linguaggio sospeso tra astrazione e figurazione con una tavolozza molto ricca ma sommessa e quasi priva di acuti. La sua rassegna è ricca di misteriose ma intuitive associazioni sul senso di appartenenza delle cose e degli istinti ad un mondo sotterraneo e primordiale. Quella di Anneliese Pichler è una pittura che quando sembra gestuale e simile ad un istintivo flusso di coscienza nasconde invece sicurezza ed equilibrio, i suoi soggetti sono figure, paesaggi o nature morte, pensieri che paiono manifestarsi sbrigliarsi l'uno dall'altro, ma che rivelano l'interiorità e la ricchezza di una profondità riportata alla luce.

 

Tendenza all'assoluto nel taglio delle forme geometriche e nella consistenza dei metalli nella scultrice e un confondersi di forme e colori che finisce per affermare un'indeterminata certezza, progettualità e flusso di coscienza, poetiche quasi antitetiche che confluiscono però nella manifestazione dell'amore per la propria materia che per entrambe narra la grandiosa avventura terrena dell'uomo.

 

Il catalogo della mostra, edito dal Centro d'Arte Contemporanea Cavalese, illustrerà l'opera degli artisti esposti e riporterà l'intervento critico di Elio Vanzo "Gelmi/Pichler: Il Progetto di Gea".

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

Sede espositiva:

Palazzo Firmian - Sale del Museo, spazi antistanti il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

 

Data inaugurazione/presentazione: 26 dicembre 2013, ore 17.30

 

Periodo di apertura al pubblico: dal 27 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 e dal 12 al 20 aprile 2014 tutti i giorni tranne il lunedì, il restante periodo aperto il sabato e la domenica  

 

Orario di apertura: 15.30 – 19.30

 

Ingresso biglietto: 2 euro

 

Informazioni per il pubblico:

Tel. 0462. 235416

e-mail

info@artecavalese.it

Sito: www.artecavalese.it








martedì 17 dicembre 2013

“Leonardo3 – Il Mondo di Leonardo” la mostra diffusa con anteprime mondiali, 300 ricostruzioni in 3D ed esperienze interattive.




Repubblica di San Marino
17 Novembre 2013
Regala una visita alla grande Mostra "Leonardo3 – Il Mondo di Leonardo".
La Repubblica di San Mario ospita una delle più prestigiose esposizioni dedicate al grande Da Vinci: scoperte, anteprime mondiali, stazioni interattive e multimediali. Tra le anteprime il restauro digitale de L'Ultima Cena in scala reale e numerose ricostruzioni inedite come La Balestra e Il Leone Meccanico.

Oltre 300 ricostruzioni in 3D come la Clavi-viola (strumento musicale inventato da Leonardo), Bombarda Multipla, Pipistrello Meccanico, Automobile; Codici interattivi: Codice del Volo, Codice Atlantico (selezione), Codice Atlantico integrale, Manoscritto B. Decine di modelli reali come la Balestra di Leonardo (prima mondiale), Ultima Cena restaurata, dieci metri per sei, come era nel 1500 (prima mondiale), Macchina del Tempo, Città ideale, Grande Nibbio (abitacolo), etc..

Cinque differenti location nell'intenzione di costituire un percorso che si fonda al meglio con il territorio che ospita la mostra: sede principale il Centro Congressi Kursaal, al Palazzo Pubblico trova spazio espositivo "Il Leone Meccanico", presso la Prima Torre "Il Volo e la Pittura", mentre "La Balestra" è protagonista assoluta nella Seconda Torre. Nel Museo di Stato sono collocati il celebre "Autoritratto di Leonardo" (presentato in esclusiva in tecnologia Hyper View) e il presunto "Autoritratto giovanile".

Audioguide: italiano, english, français, deutsch, русский, 中国的, español.
Contenuti, info, contatti su:
ilmondodileonardo.sm
leonardo3.net/SanMarino
info@ilmondodileonardo.sm

Anche in Facebook
Il Mondo di Leonardo
Viale J.F. Kennedy, 17 - 47890 San Marino (Repubblica di San Marino)
Tel. 0549/888031 Fax. 0549/888029 Cell. 335733053
E-mail: info@ilmondodileonardo.sm

lunedì 16 dicembre 2013

Buon Natale 2013

A PROJECT Contract s.r.l. - Via L. Einaudi, 6 - 31030 DOSSON di CASIER - ( Treviso - Italy )

 

Tel. +39 0422 639720 - e-mail : clienti@aprojectcontract.com  -  www.aprojectcontract.com    

 

sabato 14 dicembre 2013

Éspria, la semplicità in uno stile compatto


Bialetti
Éspria, la semplicità in uno stile compatto
 
La gamma macchine A Modo Mio di Lavazza si arricchisce di un nuovo sistema espresso

Si chiama Éspria l'ultimo modello della gamma A Modo Mio, realizzata in  partnership con Electrolux, leader internazionale degli elettrodomestici. Il sistema espresso casa di Lavazza si arricchisce di una nuova macchina che fa di semplicità e compattezza i suoi imperativi, per un consumatore che ama l'espresso e cerca prestazioni al top. Contenuta nelle dimensioni e semplice da usare, Éspria è studiata per adattarsi agli spazi e alle abitudini dei consumatori italiani, con una particolare attenzione all'eleganza. Il suo design moderno ed essenziale rende ancora più piacevole una pausa all'insegna del gusto.Lavazza prosegue, così, nel suo percorso di ricerca e innovazione, continuando a investire nel mercato del caffè "porzionato" e ampliando la gamma del sistema espresso casa A Modo Mio, al fine di garantire un vasto assortimento e la copertura di tutte le fasce di prezzo. Éspria va ad aggiungersi così alle altre macchine Favola, Favola Plus e Favola Cappuccino, oltre all'esclusiva Espressgo, il sistema che permette di preparare l'espresso A Modo Mio in automobile, in camper, in barca o in qualsiasi altro mezzo che disponga di un attacco di alimentazione a 12 V. 

La nuova macchina Éspria può contare su un design moderno ed essenziale, che ha la sua carta vincente nelle dimensioni ultra-compatte.  Disponibile in tre colori, Ebony Black, Off White e Love Red, è profonda solo 32 cm e larga 12,8 cm: piccole dimensioni per grandi performance, un piccolo concentrato di tecnologia per garantire un espresso a regola d'arte.
Le modalità di utilizzo di Éspria sono semplici ed intuitive. La temperatura del caffè erogato viene controllata elettronicamente grazie alla tecnologia della caldaia "Thermoblock" perché sia sempre ottimale (79-83 °C). La quantità di espresso è quella che preferite, grazie al tasto "Stop & Go" e alla griglia di acciaio inox regolabile su tre diverse altezze, per tazze di tutte le taglie.

La qualità dell'espresso è garantita Lavazza. Éspria funziona, infatti, con le capsule dell'ampia gamma Lavazza A Modo Mio, in cui sono racchiusi oltre cento anni di passione ed esperienza dell'azienda torinese, per portare nelle case degli italiani il piacere di un espresso sempre perfetto. Qualità superiore e gusto autentico che rendono ogni tazzina un'esperienza unica e indimenticabile.
A modo Mio offre una varietà di pregiate miscele che soddisfa tutte le sfumature di gusto: Intensamente, Deliziosamente, CremosamenteDek, Appassionatamente, Divinamente, Magicamente, ¡Tierra! Intenso, Caffè Crema Lungo Dolcemente, Soavemente e la più recente Vigorosamente.
Le miscele A Modo Mio sono apprezzate anche dai grandi chef italiani, come Davide Oldani, Massimo Bottura e Antonino Cannavacciuolo. Un'affinità elettiva costruita intorno a un unico snodo: la passione per la qualità. Differenti per stile, per filosofia e per approccio con la cucina d'autore, i tre chef trovano nell'eccellenza delle capsule Lavazza A Modo Mio la perfetta pausa da gustare personalmente.

Maggiori informazioni su:http://espria.lavazzamodomio.it/

venerdì 13 dicembre 2013

Modica (RG) - “La pittura di Orazio Spadaro nel Novecento”, una mostra-convegno alla Fondazione Grimaldi celebra il prete-artista modicano



Agli organi di Stampa

Modica (RG), 13/12/2013

"La pittura di Orazio Spadaro nel Novecento modicano", una mostra-convegno alla Fondazione Grimaldi celebra il prete-artista modicano

"La pittura di Orazio Spadaro nel Novecento modicano" è il titolo di un convegno e di una mostra, organizzate dalla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi con il patrocinio del Comune di Modica, della Diocesi di Noto e del Rotary Club, per celebrare la figura del prete-artista (1880-1959) autore di pregevolissime tele di soggetto sacro e profano che oggi abbelliscono chiese e palazzi di Sicilia.

Il convegno, previsto per sabato 21 dicembre alle ore 16,30 nell'aula consiliare del Comune, dopo i saluti del sindaco Ignazio Abbate, del presidente del Rotary Club Roberto Falla e del presidente della Fondazione Grimaldi Giuseppe Barone, vedrà gli interventi degli storici dell'arte Gino Carbonaro, Paolo Nifosì e Andrea Guastella e dell'archivista della Diocesi di Noto Salvatore Maiore. Coordinerà i lavori la giornalista Marcella Burderi. Le relazioni affronteranno i nodi storico-artistici, ponendo le basi per un primo censimento e catalogazione delle opere del canonico. A seguire, a Palazzo Grimaldi sarà inaugurata (ore 19,30) una mostra con oltre cinquanta opere dello Spadaro, tra riproduzioni e originali provenienti da collezioni private. La mostra, aperta fino al 19 gennaio, osserverà i seguenti orari: dal lunedì al sabato, ore 9.00-13.00 e ore 16.00-20.00 (chiusa il 25, 26 dicembre e 1° gennaio).

Orazio Spadaro, terzo di nove figli, iniziò a dipingere da autodidatta. Dopo gli studi teologici nel seminario di Noto e l'ordinazione a sacerdote nel 1906, perfezionò la propria arte a Roma, Firenze, Venezia, Milano, Padova e Bologna, studiando le opere dei grandi maestri della pittura italiana del secondo Ottocento. Fu allievo di alcuni tra i maggiori artisti dell'epoca, come Aristide Sartorio, Francesco Paolo Michetti, Antonio Mancini, Giovanni Segantini, Domenico Morelli e altri. Dipinse opere di soggetto sacro, ma anche ritratti, nature morte e scene agresti ispirate alla campagna modicana. Nel 1924, su invito della nobildonna Grazietta Castro Grimaldi, sua protettrice e mecenate, il prete-artista si trasferì nella chiesetta rurale di Pozzo Cassero dove poté dedicarsi con maggiore impegno ai suoi quadri, immerso nel verde e nella tranquillità della campagna. Numerosi i giovani che uscirono dalle sua "bottega": i nipoti Beppe, Enzo e Valente Assenza, Tanino Napolino e altri. Morì a Modica nel 1959.

Maggiori dettagli sull'iniziativa saranno forniti in occasione della conferenza stampa di presentazione dell'evento che sarà convocata nei prossimi giorni.


Info e contatti
Fondazione Giovan Pietro Grimaldi
Corso Umberto I, 106 - 97015 Modica (RG)
tel. 0932.757459 fax 0932.752415
info@fondazionegpgrimaldi.it
http://www.fondazionegrimaldi.it/




--
INpress ufficio stampa 
di Giovanni Criscione
p. iva. 01467520886
Via Assì 13, Modica (RG)
tel. 0932 752707
cell. 329 3167786

mercoledì 11 dicembre 2013

Mostra "Suggestioni in metallo". Inaugurazione Roma 20 dicembre ore 18 Complesso del Vittoriano

Inaugurazione mostra

"SUGGESTIONI IN METALLO"

L'arte della medaglia tra Ottocento e modernità

 

Venerdì 20 dicembre 2013, alle ore 18:00

 

Roma, Complesso del Vittoriano,

ala Brasini, con ingresso su via di S. Pietro in Carcere

 

La mostra è posta sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

 

 


Ritorna Manufacta, la mostra/festa dell'autoproduzione e dell'artigianato - Dal 14 al 24 dicembre - Casa Cappellari - Centro Storico di Martina Franca




---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Arte Franca <artefrancalab@gmail.com>
Date: 11 dicembre 2013 22:57
Oggetto: Cs: Ritorna Manufacta, la mostra/festa dell'autoproduzione e dell'artigianato - Dal 14 al 24 dicembre - Casa Cappellari - Centro Storico di Martina Franca
A:


 

Comunicato stampa

(con preghiera di diffusione)

 

RITORNA MANUFACTA IN VESTE NATALIZIA

 DAL 14 AL 24 DICEMBRE

 

La mostra/festa dell'autoproduzione e dell'artigianato, promossa dall'Ass. Terra Terra e da Arte Franca Laboratori Urbani, in collaborazione con il Comune, torna a Martina Franca nella splendida cornice di Casa Cappellari con tante idee regalo anticrisi e attività per un Natale all'insegna della sostenibilità

 

Artigianato, capi vintage, prodotti enogastronomici locali, musica, laboratori per grandi e piccini, e ancora dimostrazioni di cucina tipica e tanti ospiti a sorpresa: tutto questo a Manufacta X-mas edition, la mostra/festa dell'autoproduzione e della creatività, organizzata e promossa dall'Associazione Terra Terra e da Arte Franca, in collaborazione con il Comune di Martina Franca, che si svolgerà dal 14 al 24 dicembre a Casa Cappellari, nel centro storico di Martina Franca.

Manufacta sarà l'occasione per animare il borgo antico martinese durante il periodo natalizio e offrire la possibilità a turisti e residenti di scoprire tante idee regalo anticrisi, tutte realizzate a mano, scoprendo, al contempo, uno degli stabili storici più importanti della città, oggi sede, assieme agli spazi dell'Ex Tennis Club, dei Laboratori Urbani Bollenti Spiriti, gestiti dal Teatro Kismet OperA.

Leit motiv della manifestazione sarà la sostenibilità, dove sostenibile non è solo una parola ma un'azione che attraversa tutti gli ambiti del vivere: ambiente, società, politica, economia. Tante e diverse produzioni artistiche handmade e prodotti enogastronomici del territorio troveranno spazio nella suggestiva cornice di un palazzo settecentesco: ogni singolo prodotto sarà caratterizzato dall'unicità, dalla cura nella sua realizzazione, dalla durata nel tempo, dall'alta qualità e dalla sostenibilità, al fine di valorizzare e promuovere una cultura contraria allo spreco. Un'educazione civica in senso slow, dove la qualità di ciò che si produce e il modo in cui si consuma sono il volano per un futuro equo, solidale e green.

Da Manufacta si potranno acquistare oggetti di design, accessori moda, capi vintage, manufatti realizzati con materiali di riciclo, biglietti natalizi dipinti a mano, prodotti tipici dai sapori antichi. Ma non solo.

Ogni giorno, infatti, per tutta la durata della mostra, sarà possibile vivere tante e diverse attività esperienziali, pensate per ogni tipo di pubblico: dj set e concerti live, dimostrazioni di cucina con nonna Maria che svelerà tutti i segreti per preparare i dolci tipici della tradizione natalizia e ancora laboratori per bambini, workshop di origami e molto altro.

Inoltre ogni giorno si terrà al Bar di Manufacta, in un ambiente informale, l'aperitivo musicale, che accoglierà delle special guest che proporranno la loro personalissima playlist, condita da aneddoti, ricordi e racconti di vita, in un vero e proprio radio show, che potrà essere ascoltato, in diretta, sulle frequenze di Punto Radio.

Questi i primi ospiti: lunedì 16 dicembre, ore 20.00, Camillo Pace, noto jazzista che ha da poco esordito con il suo album cantautorale "Autoritratto"; mercoledì 18 dicembre, ore 20.00, Franco Ancona, sindaco di Martina Franca e venerdì 20 dicembre, stessa ora, Alessio Giannone alias "Pinuccio", che con le sue telefonate e la sua satira pungente raccoglie milioni di fan su youtube.

Manufacta è attenta all'ambiente: dalle indicazioni agli allestimenti, tutto è stato realizzato con materiale di riciclo, reinventato in modo artistico.

A chi si rivolge Manufacta? Alla stampa e ai curiosi, ai divulgatori di conoscenza e stili di vita, agli anziani, custodi della memoria e di un rapporto spesso più essenziale con le cose; ai giovani e ai più piccoli, che rappresentano il futuro e la possibilità di cambiamento.

 

 


Mostra "Alfredino" di Alfredo Aceto: ore 18.30 presso Luce Gallery Torino.




LUCE GALLERY

"Alfredino"

Alfredo Aceto
 
 
Opening: giovedì 12 dicembre ore 18.30
 
In mostra dal 12 dicembre 2013 al 25 gennaio 2014
 
 
Sviluppando la propria opera in un percorso creativo che si articola attraverso le molteplici e mai realmente risolte tappe della crescita, Alfredo Aceto, nonostante la giovane età, matura la propria indagine interrogandosi su se stesso e più in generale sull'ego che prevale, seppur a livello latente, in ciascuna persona. Prende dunque forma un lavoro che trova le proprie basi concettuali nella dimensione inconscia dell'esistenza, resa nelle opere dell'artista talvolta in chiave narrativa, con riferimento a storie di vita vissuta, talvolta seguendo un'ispirazione immaginaria e quasi onirica. Per l'artista la nozione di "identità" è un metodo per fornire un ritratto definito di qualche cosa che in realtà trova difficoltà a delinearsi in una forma precisa. Effettivamente essa può apparire come un modo per essere fintamente esaustivi in un'analisi che rimarrà pur sempre parziale e mal costituita. Quando il rapporto all'identità si introduce in un'opera d'arte, questa diventa un'ambigua superficie incastrata in un loop di rappresentazione di un ego che non si rivelerà nella sua totalità. Spesso la questione dell'identità rimane dietro l'angolo e si intrufola nell'espressione artistica in modalità varie e diversifcate. L'autoritratto entra nel lavoro di Alfredo Aceto in forme che si rivelano in maniera totalmente inaspettata, manifestandosi con una modalità che evidenzia ancor più i limiti dell'identità stessa. L'osservatore si trova di fronte ad una rappresentazione congelata ed immobile ma presto si concede una porta d'entrata in un universo che prescinde dall'artista raffgurato. Quasi come un pretesto, l'autoritratto è strumento per un'analisi in bilico tra autobiografa e astrattismo. Se si osserva una produzione artistica come una frammentata costellazione di oggetti, ci si può accorgere che alcuni di loro possono essere facilmente associati all'autoritratto mentre altri corrispondono a piccoli testimoni di un mondo intimo. 
"Molte mie rappresentazioni portano dentro di sé un ego che si relaziona con i rimasugli di figure mitologiche di ogni epoca che si scompongono lasciando solo il loro profumo nel lavoro. Si tratta di idoli provenienti dall'antichità o dal presente che vengono generati dalla mente nel periodo che precede la conoscenza della loro identità. Ed è proprio grazie a questa conoscenza o approfondimento che la misticità di queste entità si sgretola lasciando nella mia iride uno spettacolo senza paragoni. Credo che il mio lavoro sia il risultato di una narrazione costante che poggia su forme diverse tra loro e in certi casi vede introdursi creature ingombranti in tutti i sensi."
In mostra, la balena in scala naturale, costituisce l'effigie di una scultura anch'essa riferita all'ego, presentandosi in posa ieratica con uno dei due occhi che appartengono all'artista. Quasi priva di espressione, porta a toccare una sorta di spiritualità. Nella mitologia indiana la balena detiene la memoria di tutta la storia umana e ha conosciuto tutti gli esseri viventi che sono transitati sul nostro pianeta, corrispondendo così ad una lotta contro il tempo nello scopo di percepire la vera essenza dell'identità che forse Alfredo Aceto ritrova nelle proprie opere, a volte assunte a testamento artistico come in "Alfredo era un bambino, Sophie una donna affascinante, Paola fece una magia".
 
Alfredo Aceto è nato nel 1991,vive e lavora a Torino e Losanna.
Tra le mostre si ricordano "iii-ooo" (con Peter Hutchinson) Blancpain Art Contemporain - Ginevra; "Lullabies for obsessions" Galleria Changing Role - Roma; "Format à l'italienne" Espace le Carré - Lille; "Special Project", Maison Folie Moulins - Lille; "One Thousand Four Hundred and Sixty Peep-Hole" Peep-Hole - Milano; ARI MORTIS" Museo del 900 - Milano; "There is a différence between a shaky or out-of-focus photograph and a snapshot of clouds and fog banks" ECAL - Losanna; "Fforfake" Belvedere di San Leucio - Caserta; "This is Tomorrow" Galleria Anna Rumma - Napoli; "Nero su Nero" Galleria Franz Paludetto - Torino; "OPS!" Ambassade de France en Italie – Torino.
 
 
LUCE GALLERY
Corso San Maurizio 25
10124 Torino - Italy
orario: dal mercoledì al sabato 15.30 - 19.30
 
 
Alfredo Aceto, Untitled, 2013
Glazed Ceramic
(cm16X36X2)
 

Immagine




Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI