Cerca nel blog

martedì 31 marzo 2009

PAPA NAZINGHER - Mostra/incontro con Alessio Spataro sabato 4 aprile a Comics Boulevard (Roma - Trastevere)

clicca sull'immagine per ingrandire

&
Presentano

PAPA NAZINGHER
Mostra/incontro con l'Autore:

SABATO 4 APRILE - ORE 16.30

Presso la fumetteria
“COMICS BOULEVARD”
via Garibaldi 89/A (Roma, Trastevere)
tel. 06.45.50.42.50

COMICS BOULEVARD, la libreria della Scuola Romana dei Fumetti a Trastevere esporrà le tavole e i disegni del volume “Papa Nazingher” (Purple Press) e ospiterà il disegnatore satirico Alessio Spataro (autore di “Cos’ho fatto a Genova”, una delle prime testimonianze disegnate sul vertice del 2001 e di “Cribbio”, sull’ultimo presidente del consiglio) per un incontro con il pubblico a partire dalle 16,30 di sabato 4 aprile. Alessio Spataro sarà inoltre intervistato giovedì 2 aprile all'interno di "Stelle & Strisce", la trasmissione radiofonica della Scuola Romana dei Fumetti che va in onda tutti i giovedì dalle 21.00 alle 22.30 su Radio Popolare Roma 103.3 (ascoltabile in streaming su http://www.radiopopolareroma.it/)

INGRESSO GRATUITO

venerdì 27 marzo 2009

DirtslangArt di Gianpaolo Cono alla Galleria Serio di Napoli


Personale di Gianpaolo Cono
Galleria d'Arte Salvatore Serio
via Oberdan
Napoli
dal 26 aprile al 2 maggio

Nel panorama nazionale è raro incontrare artisti capaci di saper interpretare l'attualità senza dover ricorrere ai mezzi tecnologici e alle frontiere del concetto tramite installazioni e videoarte che spesso non sono facilmente comprensibili per tutti, e se come da sempre, l'arte deve essere ed è comunicazione, risulta evidente che artisti come Cono che riescono a fondere i linguaggi in una contaminazione "sporca", dove nel correre dei sistemi solo la cronaca riesce ad essere falso avvenimento, l'accogliere le reti come tag di un linguaggio bidimensionale facilmente individuabile attraverso segni e nuovi alfabeti in codice, portano il giovane artista napoletano a rispondere ad una esigenza di comprensione immediata, istintivamente assolta con la sintesi e una stesura cromatica figlia della contaminazione dei linguaggi degli ultimi 30 anni. Nei "mantra" come nelle "City" si fa forte il messaggio di globalità, che nelle prime è località inglobata dai paralleli di un disegno unico mondiale che diventa codice di una perduta identità e di contro si manifestano voglie di semplificazione dei poteri - nelle seconde, l'umanità si perde nella rete delle reti, scompare subissata di strutture reali e virtuali e si perde qualsiasi presenza visibile vivente, come in un continuo ricercare spiragli che consentano di aprirsi spazi vitali.

Gianni Nappa
Curatore

CULTURA DEL DISEGNO XI°Settimana della Cultura - Accademia di Belle Arti Terni 18-26 aprile '09












Si rinnova la collaborazione tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e l’Accademia di Belle Arti di Terni che per il sesto anno consecutivo offre il proprio contributo alla Settimana della Cultura giunta alla sua XI° edizione.
L’argomento che ha ispirato l’Art School e sul quale si è voluto porre l’accento facendolo diventare tema cardine del proprio progetto è il Disegno, presentando così Contakt-Art ‘09, una serie di seminari e work-shop dedicati agli amanti delle arti visive, un’intera settimana di conoscenza e approfondimento del Disegno come disciplina propedeutica ai vari settori dell’arte.
Il programma seguirà il seguente calendario:
20 aprile h10 DESIDERIO SANZI “Illustrazione creativa” ;21 aprile h10 IRENE FRENGUELLOTTI “Grafite acquerellabile”; 22 aprile h10 EMANUELE SERRA “Grafica vettoriale”; 23 aprile h10 IGOR BOROZAN “Pastello a olio classico” ;24 aprile h10 KATIA PANGRAZI “Disegno colorato, tempera”
Ad aprire gli incontri sarà Desiderio Sanzi giovane artista ternano,che coinvolgendo nell’incontro i ragazzi ai quali insegna presso l’Accademia di Terni parlerà del Disegno nel settore dell’Illustrazione Creativa.
A seguire Irene Frenguellotti che,presentando i suoi lavori,parlerà di un nuovo materiale da disegno la grafite acquerellabile che unisce la sinteticità del segno grafico alla morbidezza delle velature dell’acquerello.
Il terzo appuntamento riguarderà la grafica vettoriale a cura di Emanuele Serra eclettico disegnatore digitale sempre alla ricerca di nuove espressioni artistiche.
Gli ultimi due incontri saranno dedicati alla tradizione del disegno.Il 23 aprile sarà la volta del maestro Igor Borozan direttore dell’Art School insignito del “Premio S.Valentino ‘08” che darà dimostrazione in estemporanea ed attraverso opere già realizzate di come il Disegno sia un vero e proprio “mestiere”,una disciplina che è verità della pittura.
La settimana si concluderà con l’incontro di Katia Pangrazi uno dei talenti che approdati all’accademia sono riusciti a fare di una passione un lavoro. La sua rigorosa disciplina tecnica trova la massima espressione nella realizzazione del Disegno colorato di rinascimentale tradizione
di cui darà dimostrazione attraverso le sue tavole.
L’intuizione di riscoprire e valorizzare il Disegno nasce da una recente collaborazione con l’Accademia Taller del Prado di Madrid ,una realtà simile ed affine per cultura e tradizioni alla nostra, ma profondamente stimolante in quanto “aperta” e ricca di grandi nomi dell’arte ma anche di giovani talenti emergenti. Una terra fertile insomma con sulla quale è stato possibile coltivare il progetto “Artefatti nel Manifesto” che l’Accademia di Terni propone come fiore all’occhiello nel panorama artistico dell’Umbria, con lo scopo di favorire la conoscenza della cultura ad una platea sempre più vasta di utenti, unitamente ai seminari di Contakt Art.
“Artefatti nel manifesto”, pone l’accento proprio sul concetto del saper fare arte attraverso lo strumento principe, il Disegno inteso come segno, graffio, incisione.
E’ proprio la Cultura del Disegno l’essenza e la filosofia cardine dell’Accademia, poiché la conoscenza del Disegno è il fondamento di ogni disciplina artistica visuale. L’elemento sine qua non.
Pertanto l’Accademia di Belle Arti di Terni è entusiasta di ospitare nei propri atelier la grande testimonianza di pittori quali Ricasso, Mirò e Dorazio, presentandone i loro manifesti autografi, testimonianza della loro curiosità espressa per ogni tecnica e ogni strumento, nell’uso di matite, mine di piombo, carboncini, penne e pennelli, e nell’accostamento di segni bruschi ad arabeschi leggeri, di tratti sobri a ombreggiature sfumate, di composizioni solennemente equilibrate ad altre apparentemente negligenti. All’interno della narrazione visiva ci sono sempre due elementi che regolano i flussi comunicativi, il lettering ovvero il testo scritto e gli elementi imprevedibili che conferiscono al manifesto interesse estetico e impatto emotivo. Il manifesto dunque come ensemble interdisciplinare di linguaggi diversi. Il fatto che siano proprio dei pittori ad occuparsi di grafica rende la cosa assai più intrigante, oltre all’aspetto “visuale” della traccia c’è il gesto, due elementi vigorosamente collegati tra di loro che rendono il prodotto vera e propria opera d’arte.

Curatori dell’evento: maestro Igor Borozan, prof. Juan Antonio Molina e prof.sa Katia Pangrazi.

Orario al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 9:30 alle 13:00. Lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15:00 alle 19:00. Ingresso libero, per le visite è gradita la prenotazione.

Per info e prenotazioni:
ACCADEMIA DI BELLE ARTI-TERNI
CORSO TACITO, 20 TERNI-ITALY
www.italianartschool.it
info@italianartschool.it
Tel (+39) 0744 431918

Alessandro Lanzetta in mostra al Laboratorio Fotografico Corsetti


Personale Fotografica di Alessandro Lanzetta

IN ASSENZA
Vernissage venerdì 3 aprile 2009 alle ore 18.30

Visitabile fino all’8 maggio 2009

Laboratorio Fotografico Corsetti

Via dei Piceni 5/7

00185 Roma

Orari: lunedì – venerdì 8,30 – 12,30 / 15 - 19

Ingresso libero

Il sacrificio restituisce al mondo sacro ciò che l’uso servile ha degradato (Georges Bataille)

In assenza è frutto di una lunga ricerca antropologica e architettonica. Il lavoro di Alessandro Lanzetta si sviluppa dall’osservazione del paesaggio urbano e del suo rapporto con le persone, i suoi abitanti, attraverso i quali la vera natura dei luoghi viene svelata e realizzata. L’autore, fotografo e architetto, si è mosso alla ricerca di tracce antropiche nel territorio metropolitano e si è soffermato proprio dove l’umano è assente. È l’assenza, infatti, che consente al rimosso di tornare alla luce, come durante una seduta di psicoanalisi.

Come sottolineava Bataille, ogni cosa ha un
doppio uso, un uso alto, nobile, idealista, formale e un uso basso, informale e a volte disgustoso. È questa seconda natura che è indispensabile, quella che nelle necessità stringenti ha più peso, che trascina l’altra metà nella sua caduta liberatoria. Questa degradazione è come il sacrificio, che attraverso una alterazione allucinata della realtà conduce cruentamente al suo opposto: il Sacro.

La mostra è composta di undici immagini b/n e di una immagine a colori.

Alessandro Lanzetta, architetto e fotografo, nasce a Roma nel 1970. È docente in Progettazione architettonica e Progettazione del Paesaggio presso la facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni” dell’Università La Sapienza di Roma. È redattore delle riviste Gomorra-Territori e culture della metropoli contemporanea e del magazine digitale Archphoto. Dal 2004 fa parte dell’associazione culturale Plug-in. Ha svolto attività di collaborazione con vari studi professionali e gruppi di ricerca tra cui Stalker, Altro_studio, Massimo Ilardi. È stato membro del Mo’ studio di Roma con il quale ha allestito la mostra “La grande ét@gère” a cura di Yves Nacher e Gaelle Lissillour alla Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo 1998-1999, e attualmente fa parte dello studio AAvv creative engineering con il quale svolge attività di progettazione architettonica. Come fotografo lavora sul paesaggio e sull’architettura. Sue fotografie sono state pubblicate su riviste di architettura e pubblicazioni inerenti il tema della metropoli. Tra le sue mostre, la personale Litorali Opachi alla Galleria Studio Lipoli & Lopez e le collettive Residential Area in Kivelänränta, Jyväskylä presso il Museum of Central Finland di Jyväskylä, Finlandia e L’Utopia Praticabile - 6 Ipertesti Metropolitani al Museo Hans Christian Andersen di Roma.

Il
Laboratorio Fotografico Corsetti rappresenta la naturale prosecuzione del Laboratorio Fotografico Bassi e Corsetti, fondato nel 1971, per anni punto di riferimento per i professionisti italiani e stranieri. Il laboratorio è anche uno spazio espositivo e polifunzionale dove vecchie e nuove generazioni della fotografia possono incontrarsi e confrontarsi con workshop, mostre e conferenze.

CONTATTI

Laboratorio Fotografico Corsetti

Tel. 06 64503493

info@corsettilab.com

www.corsettilab.com

Ufficio Stampa

Karin Giacalone

karin.giacalone@libero.it

349 2609643

giovedì 26 marzo 2009

Cromie Urbane alla Galleria Merliani 137 di Napoli dal 3 aprile

La Galleria merliani 137 di Napoli nella via omonima, presenta la collettiva "Cromie Urbane" come punto di vista attuale delle realtà urbane di una grande città come Napoli, questo come punto di partenza per una definizione anche delle esistenze architettoniche storiche nel nuovo vedutismo e anonime costruzioni di politiche sbagliate; ma "Cromie Urbane" vuole mettere anche l'accento sui colori delle città e sulla percezione che gli artisti hanno delle cromie vivendo in spazi urbani dove per trovare la natura bisogna ritrovarsi nei parchi circondati di palazzi.
In definitiva, quindi la rappresentazione del tessuto urbano, architettonico e viario delle nostre zone urbane, cromie urbane determinate dalla vita cittadina senza aperture di natura incontaminata e quindi figlie di un sentire e di colori cittadini dove il rapporto è con le chiusure più che con le aperture.
Se ancora oggi esiste una pittura di veduta, che sappia interpretare i luoghi del quotidiano e la storia con i suoi monumenti di un passato ancora presente.
Sensazioni di una dimensione cittadina che ci impegna a ragionare con gli alti palazzi e le cromie da ricercare come sfogo verso l'infinito.

Gianni Nappa Curatore

Artisti: Ciro Balzano/ Raffaele Miscione/Gabriella Russo/ Annamaria Balzano/ Ena Villani/ Laura Negrini/ Marcella Affinito/ Lino Tortora/ Francesco Saverio Biondi/ Remo Romagnuolo/ Sandra Vassetti/ LURO/ Mario Stoccuto/

Mostra di GUIYOME
























ADA EGIDIO
e
GIAN MARCO VOLPI

Saranno felici di accogliervi all’inaugurazione dell’esposizione
Alla presenza dell’artista
Venerdì 3 aprile 2009 a partire dalle ore 18:00


La mostra si terrà fino al 9 maggio 2009

Collezionando Gallery
Via Monti di Creta,55
00167 Roma

Tel. 06-6624970
Fax 06-66031118
Cell. 338-7375137
Email collezionandogallery@hotmail.it
Dal Lunedì al Sabato 10:00 – 13:00 16:30 – 20:00

mercoledì 25 marzo 2009

Il 29 marzo riapre il Museo Guttuso con la presenza del regista Giuseppe Tornatore

Il 29 marzo riapre il Museo Guttuso

Riapre al pubblico il Museo “Renato Guttuso Villa Cattolica” che dal mese di giugno 2007 era stato chiuso per una nuova risistemazione degli spazi espositivi.

Subito dopo la conclusione della mostra-evento "La potenza dell’immagine" che completava la trilogia delle mostre del grande maestro bagherese iniziata nel 1987 con la mostra "Dagli esordi al Gott Mitt Uns" e proseguita nel 2003 con l’esposizione "Dal fronte nuovo all’auto biografia", era già stata avvertita la necessità di una risistemazione complessiva del complesso monumentale di Villa Cattolica , considerato che i recenti lavori avevano reso disponibile anche la seconda sopraelevazione del Palazzo.

Pertanto dopo quasi trent’ anni di vita del Museo si è reso opportuno ridisegnare un nuovo percorso espositivo che valorizzasse non solo le opere di Guttuso, ma anche quella collezione di altri artisti che il museo ha acquisito negli anni, comprendendo artisti bagheresi (Tomaselli, Quattrociocchi, Lo Iacono) la cui produzione fu precedente a quella di Guttuso, e che desse un doveroso riconoscimento e una idonea collocazione a scultori e pittori, quali Pina Cali, Silvestre Cuffaro, Peppino Pellitteri dando una immagine più completa della produzione del territorio.

Infatti tra le opere di recente acquisizione del Museo Guttuso per la sua collezione permanente si è aggiunta quella di Momò Calascibetta "Minuetto a Villa Palagonia" di -cm.160x180-2002- ambientata in una delle più famose ville settecentesche di Bagheria.

Il secondo piano invece si è destinato ad una esposizione permanente di foto progettata e curata da un grande artista della macchina fotografica Giovanni Battista Maria Falcone che olte ai già presenti fotografi bagheresi da Ferdinando Scianna a Giovanni Battista Maria Falcone, da Pintacuda a Tornatore ha integrato la collezione con artisti di grande respiro nazionale ed internazionale particolarmente sensibili alla cultura del Mediterraneo.

Il recupero pressocchè totale dell’immobile permetterà di diventare un contenitore artistico e un centro per attività multimediali unico, in Sicilia e nel Meridione d’Italia.

museo-guttuso.jpg
Visione laterale delle scuderie di Villa Cattolica
e lo scempio della fabbrica retrostante
Per questo l’evento di domenica 29 marzo 2009 alle 17.00
si può considerare a tutti gli effetti una re-inaugurazione

opere permanenti di:

Pittura-Disegno- Scultura


Accardi, Alliata, Angeli, Attardi, Baldassella, Bandinelli, Benedetto, Bonomolo, Buzzati, Cagli, Calascibetta, Calì, Cambellotti, Carroll, Carta, Castro, Castellano, Catalano, Ceccotti, Chitti, Colli, Comes, Cossyro,Taravella, Cuffaro, Cusenza, De Filippi, De Stefano, Dixit, Evergood, Farruggio, Fasulo, Festa, Fieschi, Francese, Garajo, Gelli, Gennaro, Giambecchina, Guardi, Guarienti, Guerrino, Guttuso, Fasulo, Jones, Kubin, Lebrun, Lauricella, A. Leto, G. Leto, Levi, Lo Iacono, Margani, Moncada, Munari, Musti, Nasini, Campanella, Omiccioli, Ortega, Pasqualino Noto, Pellitteri, Perez, Peverelli, Pignon, Pizzinato, Portocarrero, Porzano, Prestipino, Provino, Quattrociocchi, Raphael, Mafai, Ricci, P.Rizzo, L.Rizzo, Romagnoli , Rutelli, Sanfilippo, Savelli, Scaduto, Scarpitta, Schifano, Schimmenti, Scorzelli, Solendo, Spadari, Stefannoni, Tavernari,Titonel, Tomaselli, Treccani, Trombadori, Turchiaro, Vacchi, Vaglieri, Volo, Zancanaro, Ziveri.

minuetto-a-villa-palagonia-cm160x180-copia.jpg
"minuetto a Villa Palagonia"-2002
L’opera di Momò Calascibetta
recentemente acquisita dal Museo Guttuso

Fotografia

Belvedere, G.Di Salvo, P.Di Salvo, Falcone, Giaramidaro, Languillo, Lentini, Leone, Longo, Minnella, Pepi, Pintacuda, Pitrone, Prestifilippo, Roth, Savagnone, Scalia, Schifano, Scianna, Settanni, Tornatore.

museo-guttuso-1.jpg

Negli spazi esterni verrà presentato il libro curato da Biagio Napoli e Mimmo Aiello "I ragazzi di Via Sant’Angelo" sulla storia del Circolo di Cultura “l’Incontro”.
Per questo ci sarà anche Peppuccio Tornatore che dell’ Incontro fu fondatore e anima.

Tra i politici oltre al Sindaco Biagio Sciortino e all’assessore alla Cultura Sergio Martorana, ci saranno l’assessore regionale ai Beni Culturali, on. Antonello Antinoro, e l’on. Gabriella Giammanco, deputato nazionale, componente della Commissione Cultura.

Tra gli esperti oltre alla Direttice del Museo Dora Favatella Lo Cascio, alla quale andrebbe un grande grazie per la competenza e la passione che mette nel suo lavoro, e a Fabio Carapezza Guttuso, anche Adele Mormino, già Sovrintendente e oggi Direttore Generale dell’Assessorato ai Beni culturali.

Orari di apertura
Tutti i giorni, feriali e festivi, lunedì escluso.

Orario invernale
Dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle 19.00
Orario estivo
Dalle ore 9.30 alle ore 14.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.30

I contatti
Museo Guttuso Villa Cattolica
via Rammacca, 9 (SS 113) 90011 Bagheria PA
Tel. 091.943902 – fax: 091.933315

e-mail: villacattolica@tiscali.it
sito internet: www.museoguttuso.com
Sito internet: www.falconeriuniti.it



lunedì 23 marzo 2009

Musica e Architettura

La Galleria di Architettura "come se" presenta:
Musica e Architettura
Venerdì 27 marzo ore 21.00

Obbligatoria la prenotazione con relativo biglietto

Andolangen Concert
di Gene Coleman

Cos'è Andolangen?
"Andolangen" è una composizione video-musicale ispirata ad un'opera dell'architetto Tadao Ando, la "Langen Foundation" a Ness, in Germania. La composizione prevede un trio di strumenti sia occidentali: clarinetto, pianoforte e violoncello, che giapponesi: sho, koto e shamisen con il contributo della chitarra elettrica.

"...note di Gene Coleman
Nel caso di Andolangen, ho sviluppato la mia composizione in base a quello che ho visto e sentito guardando l'edificio del Langen. L'edificio infatti, pone l'accento sugli elementi primari e questo mi ha portato a creare un modulo basato su Aria, Terra, Acqua, Luce e Buio. Per questo motivo il lavoro si compone di cinque sezioni che si spostano dal giorno alla notte nel corso della composizione."

Chi è Gene Coleman?

Per Prenotazioni:
info@comese.me.it
cell. +39 3478748969
www.comese.me.it


Seminario
a cura di Gene Coleman
Sabato 28 marzo ore 10.00-13.30

Obbligatoria la prenotazione con relativo biglietto

A chi si rivolge il seminario?
A compositori, musicisti, artisti, architetti, studenti e studiosi, e a tutte quelle persone che hanno un interesse per le connessioni tra musica e architettura ed altre forme d'arte e che soprattutto, pensano che la crescita individuale, derivi dal contatto e dal confronto con le varie discipline artistiche.

Cosa prevede il seminario?
Durante il seminario, Gene Coleman presenterà il suo lavoro esplorando le interconnessioni tra la musica, l'architettura e le altre forme d'arte. Seguirà un dibattito e un confronto con le esperienze e le idee degli invitati per cercare di creare insieme un nuovo tipo di discorso interdisciplinare che coinvolga artisti e intellettuali provenienti dale varie discipline.

Per Prenotazioni:
info@comese.me.it
cell. +39 3478748969
Galleria di Architettura "come se"
Via dei Bruzi 4/6
00185 Roma
http://www.comese.me.it/
Arch. Rosetta Angelini, direttrice
e-mail: info@comese.me.it
e-mail: rosetta.angelini@gmail.com

tel: 39 0644360248
cel. +39 3478748969
cell. +39 3270137263

L'AMANTE di Harold Pinter

Compagnia MiRò

presenta

L’AMANTE
di Harold Pinter


Con
Tullia DANIELE e Mauro FANONI

Ideazione scenica e regia di
Giacomo ZITO

Dal 24 marzo al 5 aprile 2009

Teatro Tordinona
via degli Acquasparta, 16 – ROMA

Orari:
Da martedì a Sabato ore 21 - Domenica ore 18

Biglietto unico € 14,00
Per gruppi (oltre 10 persone): biglietto a €10 PREVIO PRENOTAZIONE

Debutta martedì 24 marzo al Teatro Tordinona “L’Amante”, di Harold Pinter, con Tullia Daniele e Mauro Fanoni, per la regia di Giacomo Zito, in scena fino a domenica 5 aprile.

La “Compagnia MiRó” desidera offrire così il proprio omaggio all’autore Premio Nobel 2005 per la letteratura, tristemente scomparso la scorsa vigilia di Natale, con la messa in scena di un testo che è il geniale esempio di ciò che ormai viene definito pinteresque.
Si tratta infatti della commedia più sensuale del grande drammaturgo inglese, atto unico provocante e intelligente: scritta nel 1962, L’Amante è un gioco di raffinata perversione, governato crudelmente dalla legge del desiderio, un rituale erotico dalle conseguenze imprevedibili e di sorprendente comicità.
Tra momenti di ironia e di passione, i due protagonisti, così reali e umani, riescono a coinvolgere il pubblico nelle loro vite, tanto da farlo immedesimare in una situazione che sfiora i limiti dell’assurdo.
Sarah e Richard, sposati da ormai dieci anni, ogni giorno affrontano la vita con gioia e curiosità: si salutano amorevolmente al mattino, prima che Richard vada in ufficio, e si ritrovano serenamente la sera, alle sei, dopo aver passato entrambi un caldo pomeriggio con i propri rispettivi amanti. Su questa relazione hanno impostato affettuosamente il proprio equilibrio, ma dopo dieci anni, nell’arco di due soli giorni e in un’ora di spettacolo, è concentrata la crisi che si manifesta nel loro rapporto. Una crisi che li porterà lontano.

La brillante regia di Giacomo Zito, centrata sulla stravagante dialetticità dei personaggi, e l’interpretazione accattivante di Tullia Daniele e Mauro Fanoni, condurranno lo spettatore, continuamente travolto dagli eventi scenici, in un viaggio stimolante e divertente che riuscirà ad appassionare anche i più scettici.


Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
Tel/Fax + 39 06 3225044 - Cell + 39 328 4112014
elisabetta@elisabettacastiglioni.com
www.elisabettacastiglioni.com


Note di Regia
Il testo, sviluppato attorno al gioco che i due protagonisti, marito e moglie, mettono in atto, ci pone di fronte ad una molteplicità dei livelli della comunicazione, dei sentimenti e delle modalità: alla base, esistono le personalità vere e proprie dei due personaggi Sarah e Richard; esse, filtrate dalle necessità imposte dalla “situazione di gioco” momentanea, vanno a creare altri personaggi che, con i propri caratteri, i propri mezzi e i propri limiti, muovono verso il raggiungimento dei loro obiettivi. Obiettivi i quali, logicamente, non possono che appartenere alle due personalità “reali” di base.
Il lavoro registico, dunque, ha voluto dare massima rilevanza alla manifestazione delle modalità dei personaggi e alla loro grottesca conflittualità, che si ritiene scaturisca, in completa sintonia con lo stile dell’autore, da elementi tanto umani quanto elementari: il sesso e il cibo. La parola, come nelle menti dei personaggi (e nella realtà), così sul palcoscenico, è accompagnata da azioni di grande respiro, che rendono al massimo le potenzialità di questo geniale atto unico.

Anche le scelte scenografiche sono state drastiche, seguendo il principio dell’abbandono di tutto ciò che non fosse necessario al racconto, così da concentrare l’attenzione dello spettatore sui significanti della storia. Ciò in virtù della convinzione che il palcoscenico sia un luogo di sogno, di fantasia, di immaginazione e di simboli, dove l’evocazione, sopra a tutto, gioca il ruolo principale di trasportare lo spettatore all’interno della vita che si sta svolgendo sulla scena.
Per lo stesso motivo si è scelto di eliminare quasi completamente la cosiddetta attrezzeria, magistralmente sostituita da suggerimenti sonori.

TULLIA DANIELE E MAURO FANONI
traggono “il mestiere del teatro” dall’esperienza maturata durante le tournée con la Compagnia Molière (M. Scaccia); diplomati all’Accademia “Ribalte” (E. Garinei) e presso la “Scuola di Informazione Teatrale” (M. Scaccia), hanno partecipato, tra gli altri, a: Erano tutti miei figli (A. Miller), Fiore di cactus (P. Barillet, G.P. Grèdy) regia di E. Garinei; Non tutti i ladri vengono per nuocere (D. Fo); La Mandragola (N. Machiavelli), Il canto del cigno (G. Serafini Prosperi), regia M. Scaccia.

GIACOMO ZITO
ha lavorato in teatro con, tra gli altri, Luca Ronconi, Massimo Castri, Giancarlo Cobelli, Andrea Camilleri, Adriana Martino, Fiorenzo Fiorentini, Pino Micol.
È regista di numerosi spettacoli, tra cui Che fine ha fatto Shirley Temple? di A.Lolli, Borderline di V.Berasi, Bertrand de Saint Genies di R.Stroili Gurisatti, Miseria e grandezza nel camerino n.1 di G. De Chiara, Casina di Plauto, con F. Fiorentini, Il mago dei sogni di e con A. Calabretta, Più stupidi di così , con I Picari, Tra le nuvole e Acqua Alta di M. Renzi, Nel cuore di Elvira, Vox, La Traviata narrata da Alfredo Germont, di cui è anche autore.

HAROLD PINTER
Tra gli innumerevoli successi della sua carriera, ricordiamo l’assegnazione del Premio Nobel 2005 per la Letteratura, con la seguente motivazione: “Nelle sue commedie [egli] scopre il baratro che sta sotto le chiacchiere di tutti i giorni e spinge ad entrare nelle stanze chiuse dell’oppressione”.

domenica 22 marzo 2009

Marche Centro d'Arte, Sabrina Muzi

Domenica 29 marzo alle 18.00 la Galleria Marconi di Cupra Marittima presenta la personale di Sabrina Muzi a cura di Claudio Libero Pisano, dopo il successo dell'esposizione di Marco Bernacchia e Francesca Gentili.
La mostra conclude il ciclo Marche Centro d'Arte ed è il quinto appuntamento della rassegna Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi.
Con la personale di Sabrina Muzi si conclude Marche Centro d'Arte. Lo scopo della rassegna è mostrare la vivacità delle produzioni artistiche presenti nella regione, una regione in cui convivono pluralità e singolarità, a partire dallo stesso nome. Ogni artista ha una sua peculiarità, e un suo percorso di ricerca, ha una voce che unendosi alle altre del territorio, dà vita a un mosaico ricco, vivo e vivace.



"La ricerca di Sabrina Muzi continua con un ulteriore passaggio nella direzione di un rapporto mai episodico tra sé e la natura. Utilizza diversi mezzi che concorrono allo stesso fine. Video, foto e disegni hanno lo scopo di sottolineare un unico messaggio dove sempre più intima diventa la condivisione con l'elemento naturale. Sia quando è il suo corpo, come nel video Remote Body, che si nasconde e si perde tra i rami fino a diventare un unico elemento. Sia nelle foto, dove l'artista non compare, è evidente una relazione mai distaccata. In quegli alberi rappresentati più che l'elemento estetico traspare quasi il respiro, l'affanno della natura impressa sulla carta. E l'artista se ne fa portavoce, lascia che la sapienza tecnica e la capacità esecutiva si mettano al servizio di un messaggio circolare. Offre il suo sguardo alla natura che lo restituisce in tutta la sua potenza, bellezza e inquietudine". (Claudio Libero Pisano)

Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi
Il giorno dopo l'inaugurazione di una mostra il gallerista tira le somme. Le rughe si sono distese e si parla amabilmente sgranocchiando salatini e patatine. Il sorriso riempie il volto barbuto e la soddisfazione per il risultato è al centro dei suoi discorsi. Dello yeti che si aggirava con spatola, stucco e gomma magica, non è rimasto nulla. La Galleria adesso sembra il paese delle favole, dove pace e armonia regnano e le riviste sono ordinate sulla scrivania. Un attimo di pace prima della prossima inaugurazione.
All'ansia di una mostra, collaboratori di vario tipo aggiungono stress, ritardi, piccole o grandi inefficienze che un povero gallerista si trova a dover affrontare, perdendo i capelli e/o facendo diventare bianchi i pochi che gli restano. Eccolo buttarsi su massicce dosi di tachipirina per affrontare l'immancabile febbre pre-mostra, mettersi ai fornelli per preparare pasti con innumerevoli portate e quantità capaci di sfamare interi reggimenti, eccolo infine perdere l'attimo atteso ogni giorno come la manna dal cielo: il riposino pomeridiano. Una vita dura fatta dalle piccole insoddisfazioni di ogni giorno e dalle grandi soddisfazioni di ogni mese.
Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi è l'omaggio a quella cosa bellissima ed entusiasmante che è l'organizzazione di una mostra, cosa bellissima, ma anche snervante e stancante. Ecco che aumenta il numero delle sigarette fumate fuori dalla porta, ecco che i chiodi e le viti si accumulano sul pavimento. Poi si inaugura, si parla, si ride e il giorno dopo si pulisce. Questa è la "tragica" routine che accompagna la vita di un gallerista. Ma non bisogna dimenticare però la bellezza di una mostra, il piacere di una chiacchierata con gli amici, l'emozionarsi sempre nuovo che ripaga da ogni affanno. I rapporti umani, e non solo professionali, con artisti, critici e curatori, sono il vero collante dell'attività e il motore che rende sempre nuova la voglia di andare avanti.
Solo un grazie a chi ci permette di poter seguire ed apprezzare il mondo dell'arte nel suo continuo movimento.

Si ringrazia l'Associazione Alta Fedeltà
http://www.associazionealtafedelta.org/
per la collaborazione

scheda tecnica/technical card
curatore/curator by Claudio Libero Pisano
testo critico/art critic by Claudio Libero Pisano


ufficio stampa/ press agent Dario Ciferri
traduzione di/translation by Patrizia Isidori


relazioni esterne e promozione delle attività/ external relationship and promotion of activities Stefania Palanca
fotografia/photography Marco Biancucci©
riprese video/video shooting Stefano Abbadini
allestimenti/preparation Marco Croci
progetto grafico/graphic project maicol e mirco
webmaster http://www.siscom.it

dal 29 marzo al 26 aprile
from 29th march to 26th april
orario: lunedì-sabato dalle 16 alle 20
opening time: Mon-Sat 4 to 8 p.m.


Galleria Marconi di Franco Marconi
C.so Vittorio Emanuele, 70
63012 Cupra Marittima (AP)
tel 0735778703
e-mail galmarconi@vodafone.it
web http://www.siscom.it/marconi

venerdì 20 marzo 2009

O' Il Dissenso Residenze

O'residenzefotografiasuonoperformance


il dissenso. LIZ GLYNN (USA) BEATRICE MINDA (D) GAIA PASI (I) O' A.I.R. artisti e teorici in residenza presentazione giovedì 12 marzo 2009 h.19.00 fino al 4 aprile 2009 | 15.30 -19.30 | chiuso festivi e lunedì


il dissenso, sottolinea una difficoltà trascurata e sottovalutata di relazione tra luoghi e persone, aspettative e delusioni, tempi e spazi; registra più che mai la permanenza e l'assenza e il tentativo di oltrepassare delle soglie.
Apre al pubblico il 12 marzo presentando ricerche e percorsi intrapresi dalle tre ospiti nel corso del loro soggiorno milanese.

Liz Glynn (Boston, USA 1981, vive e lavora a Los Angeles) presenta una serie di installazioni 'Material Histories', che ripercorrono momenti di storia italiana antica e moderna attraverso i diversi materiali. Interessandosi continuamente di come restauro e ristrutturazione riflettano l'evolversi dei valori culturali, Liz ha esplorato i cantieri e gli spazi della Stazione Centrale di Milano e le delicate condizioni degli Scavi di Ercolano. Il lavoro che ne scaturisce utilizza materiali scultorei tradizionali come marmo e gesso accostati ad una materia più organica e ad azioni performative per creare nuove allegorie a proposito dell'azione umana ed il suo potenziale impatto.

Beatrice Minda (Monaco 1968 vive e lavora a Berlino) mostra alcune immagini della Romania, rispondendo in questo modo al clima culturale che ha respirato in Italia durante il suo soggiorno. Nel corso degli ultimi anni, i media italiani hanno alimentato pregiudizio e ostilità nei confronti degli stranieri, soprattutto rumeni.
"Getting used to reality" mostra fotografie di architettura e immagini del verde urbano. Si tratta di osservazioni e appunti dell'artista che visita una città rumena in piena fase di trasformazione. E' una città rappresentata nella sua quotidianità. Immagini che in fondo non sono così diverse da quelle di altre città europee, anche per il simile processo di trasformazione che attraversano. Potrebbe essere uno spunto per riflettere su quanto hanno in comune gli abitanti di queste città…

Gaia Pasi (Firenze 1976, vive e lavora tra Siena e Firenze) raccoglie pensieri, idee e intuizioni in forme diverse e li rende accessibili in 'My diary: via Asti 5 Milano'. Si tratta di una selezione di materiali audio montati ed estrapolati da riflessioni personali, film o letture provenienti dal teatro, poesia, politica, storia contemporanea e quella dell'arte. Questi materiali audio in diffusione insieme a sagome di cartone, appunti e immagini ridisegnano la casa milanese di Gaia e documentano ambizioni, ricerche, dubbi, progetti, luoghi, incontri e persone che vi si sono avvicendati.

Le artiste Liz Glynn, Beatrice Minda e la curatrice Gaia Pasi, sono ospiti dal 10 gennaio 2009 del nono programma O'A.I.R. La residenza ha durata di circa 2 mesi e si svolge nella sede di O' idealmente un contenitore di esperienze, dove vengono messi a disposizione spazio, tempo e risorse per sostenere tutto il processo creativo. I partecipanti sono selezionati attraverso un bando su www.o-artoteca.org e su invito.

extra marzo 09

17 h.19.00 Ivàn Navarro e Antonio Arevalo: il padiglione Cileno alla 53ma Biennale di Venezia
introduce Gaia Pasi
25 h. 21.00 Attila Faravelli (I) e Oren Ambarchi (AUS) in concerto

INFO bios & MORE :
http://www.o-artoteca.org t. +39 02 66823357
press: Culturalia tel: +39-051-6569105 http://www.culturaliart.com

O'A.I.R. è un programma promosso da:
O' | residenze | fotografia | suono | performance associazione non profit, Milano;
LAB laboratorioartibovisa/Angelo Colombo, Milano; Hotel Pupik Artists in Residence Austria;
Die Schachtel, Milano; e con il sostegno di Provincia di Milano- inContemporanea

con il contributo di Fondazione Cariplo e in collaborazione con UOVO

Il lavoro di Liz Glynn si è reso possibile grazie alla preziosa partecipazione di
The British School at Rome e HCP Hercolaneum Conservation Project, Ercolano, partner esecutivi del progetto; FERBA s.r.l, Lissone e Smooth-On, Inc. USA, partner tecnici; Cave Michelangelo, Carrara e GADO, Pavia per sopralluoghi, documentazione e materiale.
grazie a Giulia Zorzi, MiCamera, Milano e Rossana Ciocca, Galleria Ciocca, Milano

Reggio Emilia – "Echi ad incastro" di Franco Santamaria

Reggio Emilia – "Echi ad incastro" di Franco Santamaria

Sabato 28 marzo 2009, alle ore 17.00, a Reggio Emilia, presso la sede dell'Associazione Culturale "Blugaf" in Via Bismantova 2/C (poco distante dall'ospedale S. Maria Nuova - Ponte S. Pellegrino), Annalena Foracchia e Giulia Troise presentano il libro "Echi ad incastro" di Franco Santamaria (Joker editrice, Novi Ligure 2004).
Quest'opera rappresenta un continuum poetico, dopo "Storie di echi" (Ferraro, Napoli), di un progetto di poesia rivolta al "sociale", la singolare predisposizione del poeta a indagare la realtà per rilevarne problemi e sofferenze e farli diventare sue personali inquietudini. Lontana dall'essere come tanta poesia di denuncia o intimista, la poesia di "Echi ad incastro" è lirica pura, dove l' "io" del poeta è sovrastato dal "noi" dell'umanità sofferente per ingiuste cause, della quale Santamaria si fa voce o meglio cassa di risonanza degli "echi" che da essa provengono e s'incastrano nella sua coscienza.
Sono echi di dolore, ma anche di speranza e di reazione vitale che si intrecciano in una trama fitta di figure retoriche (primeggiano la metafora e l'analogia) che fugano il pericolo della caduta in declamazioni ideologiche o in banale commiserazione dell'angoscia esistenziale.
Le letture sono a cura di Annalena Foracchia e dell'Autore.
Info: Giulia Troise, cell. 329 1360116; e-mail: giuliatroise@libero.it

____________________________

Franco Santamaria
ECHI AD INCASTRO
Prefazione di Sandro Montalto
Joker, Novi Ligure 2004
ISBN 88-7536-007-3; pp.72, euro 11,50
___________

Il libro
L'opera di Franco Santamaria – in poesia come in pittura, disciplina nella quale l'autore concretizza con accesa espressione le proprie angosce – è eminentemente politica, sociale: si fa coraggiosamente e caparbiamente carico delle sofferenze altrui non immaginando di sottrarle al prossimo ma condividendole ed approfittando con generosità della propria facoltà, essendo egli un artista, di levare il proprio canto sopra la palude di conformismo ed oppressione che smorza il grido di chi artista non è. Non c'è, tuttavia, nell'opera di Santamaria la componente dell'illusione: egli sa bene che l'artista proprio in quanto tale è costituzionalmente ostacolato, messo a tacere, eliminato, e proprio per questo egli sfrutta al massimo ciò che il comune nemico (la mediocrità, l'egoismo, lo strapotere…) gli permette di esprimere, organizzandolo in forme verbali o pittoriche le quali si nutrono sempre di un sanguinoso agon, di una lotta incessante, corpo a corpo, violenta e senza esclusione di colpi.
Una componente della poesia del lucano Santamaria è certo la sua connotazione fortemente meridionale (...), esaltata dalla propria apertura e dalla propria profonda escavazione e metabolizzazione degli stilemi tipici della poesia meridionalistica più lontana da semplici confessioni o stucchevoli pittoricismi.
[...]
Soprattutto la poesia di Santamaria conserva di certa poesia meridionale la capacità di evocazione e simultaneamente sospensione del tempo. Ma allora, si dirà, queste oasi liriche o comunque di calma allontanano il poeta dai drammi della quotidianità, allentano quella tensione che dovrebbe essere ininterrotta: ebbene no, egli opera piuttosto come faceva Beethoven, componendo simultaneamente la quinta e la sesta sinfonia, rispettivamente il trionfo delle sofferenze e dell'utopia umana e la placida imperturbabilità della natura che tutto circonda e tutto, probabilmente, tornerà a divorare (...).
Un contrasto provocato, insomma, che è nutrito e ad un tempo nutre l'osservazione e la riflessione. Ecco: direi che alla base dell'operazione artistica del nostro sta la provocazione di occasioni di riflessione, il gesto consapevole di chi ben sa come a cadere nell'oblio si faccia in fretta, di come rimandare significhi lasciar morire.
[...]
L'atavico si fonde con l'ideale, la memoria si potenzia alla luce della sacralità della vita e dei valori fondamentali, e così la rievocazione ai limiti dell'edenico del sud si tramuta seduta stante in un desiderio di valori duraturi.
[...]
Legittimamente in questa poesia c'è la denuncia ma anche la speranza nella rinascita, l'espressione dell'angoscia ma anche lo sprone a rifondare le basi del mondo: è ciò che nobilita l'opera di Santamaria e la distingue dal vago mormorio di tanta sedicente poesia di protesta, non meno liberticida di ciò che vorrebbe denunciare. Santamaria sa farsi corda vibrante per simpatia, sconfiggendo quel soggettivismo soffocante che l'uomo coltiva da sempre, un'interpretazione della propria sofferenza come riflesso del patire umano, sofferenza esistenziale più che condizione di dolore personale. Ecco cosa distingue, anche, questa poesia da quella di un Pasolini (...).
Come salvarsi? Ricorrendo, come il nostro fa, frequentemente alla metafora e all'analogia, procedimenti che permettono di esorcizzare il rischio di un appiattimento descrittivo, della volgarità del "volantinaggio poetico" e della asettica riproduzione della realtà. Così facendo ogni testo di Santamaria (e, crediamo, molte sue immagini) non è strettamente la rappresentazione di una situazione ma è soprattutto l'evocazione di un reticolo concettuale conscio della necessità di una riforma a tutto campo.
[...]
(Dalla Prefazione di Sandro Montalto)

Si sono diffusamente occupati di "Echi ad incastro":
Anna Aita, Fabiano Alborghetti, Marco Baiotto, Massimo Barbaro, Federico Batini, Mariella Bettarini, Monica Borettini, Reno Bromuro, Alessandro Cabianca, Luigi Cannillo, Sandra Cervone, Antonia Chimenti, Alberto Dell'Aquila, Mariella De Santis, Raoul Elia, Matteo Fantuzzi, Mauro Ferrari, Gianfranco Franchi, Massimo Giannotta, Giacomo Guidetti, Giulia Iannucci, Lino Lista, Maria Teresa Manganiello, Piera Mattei, Gian Domenico Mazzocato, Raffaele Messina, Sandro Montalto, Federico Moro, Giovanna Mulas, Claudio Perillo, Mariacristina Pianta, Raffaele Piazza, Franco Piri Focaldi, Thomas Pistoia, Gian Mario Quinto, Paolo Ragni, Alfredo Rienzi, Maria Teresa Santalucia Scibona, Francesca Santucci, Spectator/Dreams, Adam Vaccaro, Marina Zatta.

L'Autore
FRANCO SANTAMARIA, scrittore e pittore, è nato a Tursi, cittadina della provincia di Matera. Dopo lunghe permanenze a Taranto, Napoli, Afragola (Napoli), ora risiede a Poviglio-San Sisto (Reggio Emilia). Ha pubblicato: Primo lievito (poesie - Gastaldi, Milano), Storie di echi (poesie – Ferraro, Napoli), Echi ad incastro (poesie – Joker, Novi Ligure), Se la catena non si spezza (racconti - Bastogi, Foggia), Passaggi d'ombra (racconti - El Taller del Poeta, Pontevedra-Spagna); su Internet (www.modulazioni.it): Parola e Immagine (opera sperimentale di poesia-pittura), L'Immagine (catalogo dei dipinti) e alcune opere ancora inedite di poesia e di narrativa.
È presente in numerose riviste e antologie letterarie, in decine di siti web e in gallerie d'arte. È presente, altresì, in antologie critiche, tra cui "Forme concrete della poesia italiana" di Sandro Montalto (Joker, 2008).
In qualità di pittore, ha esposto con successo sia in Italia che all'estero. Alcune sue opere fanno parte di collezioni private. Un'opera è stata donata alla BNL Gruppo Paribas per Telethon 2006.

Franco Santamaria, Scrittore, Pittore, Membro Onorario CDAP-UPCE
Via Parma 149 - Poviglio-San Sisto (Reggio Emilia)
www.modulazioni.it - frasmari_fs@alice.it

***
Collaboriamo tutti per una nuova umanità senza ingiustizie e violenze sull'uomo, sugli animali, sulla natura!

giovedì 19 marzo 2009

FRAGILECONTINUO RELOAD


SABATO 21 MARZO 09


FRAGILECONTINUA NEL NUOVO
SPAZIO



DI
VICOLO DE' FACCHINI 2 / A BOLOGNA


DALLE ORE 19.00



APERITIVO + ELECTRIC FLAG TRIO LIVE


INFO

vicolo de' facchini 2/a bologna
fragilecontinuo.blogspot.com
flickr.com/fragilecontinuo
fragilecontino@gmail.com

mercoledì 18 marzo 2009

Roma: Architettura.. come se

La Galleria di Architettura "come se" presenta l'evento:

Architettura ... come se

corpo…moda&costume…frammenti … arte

Sabato 21 marzo alle ore 20.00

Via dei Bruzi, 4/6 Roma

Quartiere San Lorenzo

Architettura ... come se

è un evento multidisciplinare che si svolge in un'unica serata con l' intento di raccontare l'architettura attraverso il linguaggio della metafora, "come se" appunto. Un viaggio attraverso il corpo, la moda e il costume, i frammenti/gioielli e l'arte, ma dove tutto è anche architettura.

I protagonisti

Antonino Di Raimo

Experimental Body

Architetto, da diversi anni concentra il suo lavoro sul rapporto corpo e architettura. Attraverso un movie videoproiettato, mostrerà come la creazione di traiettorie dovute al movimento di corpi virtuali sia generativa di spazio.

Rosetta Angelini

Architetto, presenterà tre abiti progettati per l'occasione, ispirati a tre architetti contemporanei che negli ultimi anni hanno rivoluzionato profondamente il paradigma formale dell'architettura: F. O. Gehry, Zaha Hadid e Toyo Ito.

Loredana Lo Giacco

Costumista, ha collaborato all' ideazione degli abiti e, soprattutto, alla loro realizzazione. Ha partecipato attivamente a diversi eventi realizzando ed ideando abiti e costumi ispirati a temi specifici.

Antonio Rossetti & Elviro Di Meo

Omaggio a Carlo Scarpa. L'Architettura Oltre il Segno

Architetti, presentano la loro linea di gioielli in plexiglass ispirati alla fontana del Giardino di Palazzo Querini Stampalia a Venezia, opera del grande maestro del Novecento Carlo Scarpa. Attraverso una rilettura e rielaborazione della fontana, prendono corpo frammenti di architettura dalle geometrie lineari e fortemente espressive.

Federico Ciacci

Inquinamento degli Organismi

Artista, presenterà la sua opera incentrata sul linguaggio della metafora. Il quadro costituito da cinque pannelli è una narrazione in cui si passa dalla realtà al sogno in un viaggio onirico, ricco di mondi immaginari in cui i desideri più inconsci prendono vita.

Celia Hempton

Musicista, si esibirà in una performance live.

L'evento avrà inizio alle ore 20.00 e si svolgerà attraverso una sequenza di performance virtuali, fisiche e musicali, si raccomanda quindi la massima puntualità.

- Si ricorda inoltre che a San Lorenzo alle ore 21.00 scatta lo ZTL.

Contact:

galleria "come se"
via dei bruzi, 4/6
00185 Roma Italia
tel:+ 39 0644360248

web: www.comese.me.it
email: info@comese.me.it

arch. Paola Ruotolo
contatti e relazioni
e-mail: paola.ruotolo@comese.me.it allegati pesanti: paolaruotolo@gmail.com
web: http://www.comese.me.it/
skypename: paolaruotolo

Sabrina Muzi: Marche Centro d'Arte

Galleria Marconi
presenta
Marche Centro d'Arte
con
Sabrina Muzi
a cura di
Claudio Libero Pisano
L'inaugurazione si terrà domenica 29 marzo alle 18:00
La mostra termina il 26 aprile
La Galleria Marconi è aperta tutti giorni dalle 16.00 alle 20.00, esclusa la domenica
Domenica 29 marzo alle 18.00 la Galleria Marconi di Cupra Marittima presenta la personale di Sabrina Muzi a cura di Claudio Libero Pisano, dopo il successo dell'esposizione di Marco Bernacchia e Francesca Gentili.
La mostra conclude il ciclo Marche Centro d'Arte ed è il quinto appuntamento della rassegna Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi.
Con la personale di Sabrina Muzi si conclude Marche Centro d'Arte. Lo scopo della rassegna è mostrare la vivacità delle produzioni artistiche presenti nella regione, una regione in cui convivono pluralità e singolarità, a partire dallo stesso nome. Ogni artista ha una sua peculiarità, e un suo percorso di ricerca, ha una voce che unendosi alle altre del territorio, dà vita a un mosaico ricco, vivo e vivace.
"La ricerca di Sabrina Muzi continua con un ulteriore passaggio nella direzione di un rapporto mai episodico tra sé e la natura. Utilizza diversi mezzi che concorrono allo stesso fine. Video, foto e disegni hanno lo scopo di sottolineare un unico messaggio dove sempre più intima diventa la condivisione con l'elemento naturale. Sia quando è il suo corpo, come nel video Remote Body, che si nasconde e si perde tra i rami fino a diventare un unico elemento. Sia nelle foto, dove l'artista non compare, è evidente una relazione mai distaccata. In quegli alberi rappresentati più che l'elemento estetico traspare quasi il respiro, l'affanno della natura impressa sulla carta. E l'artista se ne fa portavoce, lascia che la sapienza tecnica e la capacità esecutiva si mettano al servizio di un messaggio circolare. Offre il suo sguardo alla natura che lo restituisce in tutta la sua potenza, bellezza e inquietudine". (Claudio Libero Pisano)
Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi
Il giorno dopo l'inaugurazione di una mostra il gallerista tira le somme. Le rughe si sono distese e si parla amabilmente sgranocchiando salatini e patatine. Il sorriso riempie il volto barbuto e la soddisfazione per il risultato è al centro dei suoi discorsi. Dello yeti che si aggirava con spatola, stucco e gomma magica, non è rimasto nulla. La Galleria adesso sembra il paese delle favole, dove pace e armonia regnano e le riviste sono ordinate sulla scrivania. Un attimo di pace prima della prossima inaugurazione.
All'ansia di una mostra, collaboratori di vario tipo aggiungono stress, ritardi, piccole o grandi inefficienze che un povero gallerista si trova a dover affrontare, perdendo i capelli e/o facendo diventare bianchi i pochi che gli restano. Eccolo buttarsi su massicce dosi di tachipirina per affrontare l'immancabile febbre pre-mostra, mettersi ai fornelli per preparare pasti con innumerevoli portate e quantità capaci di sfamare interi reggimenti, eccolo infine perdere l'attimo atteso ogni giorno come la manna dal cielo: il riposino pomeridiano. Una vita dura fatta dalle piccole insoddisfazioni di ogni giorno e dalle grandi soddisfazioni di ogni mese.
Gallerista sull'orlo di una crisi di nervi è l'omaggio a quella cosa bellissima ed entusiasmante che è l'organizzazione di una mostra, cosa bellissima, ma anche snervante e stancante. Ecco che aumenta il numero delle sigarette fumate fuori dalla porta, ecco che i chiodi e le viti si accumulano sul pavimento. Poi si inaugura, si parla, si ride e il giorno dopo si pulisce. Questa è la "tragica" routine che accompagna la vita di un gallerista. Ma non bisogna dimenticare però la bellezza di una mostra, il piacere di una chiacchierata con gli amici, l'emozionarsi sempre nuovo che ripaga da ogni affanno. I rapporti umani, e non solo professionali, con artisti, critici e curatori, sono il vero collante dell'attività e il motore che rende sempre nuova la voglia di andare avanti.
Solo un grazie a chi ci permette di poter seguire ed apprezzare il mondo dell'arte nel suo continuo movimento.

scheda tecnica
curatore Claudio Libero Pisano
testo critico Claudio Libero Pisano
ufficio stampa Dario Ciferri
traduzione di Patrizia Isidori
relazioni esterne e promozione delle attività Stefania Palanca
fotografia Marco Biancucci©
riprese video Stefano Abbadini
allestimenti Marco Croci
progetto grafico maicol e mirco
webmaster siscom

dal 29 marzo al 26 aprile
orario: lunedì-sabato dalle 16 alle 20
Galleria Marconi di Franco Marconi
C.so Vittorio Emanuele, 70
63012 Cupra Marittima (AP)
tel 0735778703
e-mail galmarconi@vodafone.it
web www.siscom.it/marconi

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI